Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Capocrazia. Se il presidenzialismo ci manderà all'inferno

Capocrazia. Se il presidenzialismo ci manderà all'inferno
titolo Capocrazia. Se il presidenzialismo ci manderà all'inferno
Autore
Argomento Diritto, Economia e Politica Politica
Collana Le onde
Editore La nave di teseo
Formato
libro Libro
Pagine 208
Pubblicazione 2024
ISBN 9788834616697
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
16,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Il presidenzialismo è la grande riforma annunciata dal governo Meloni, che potrebbe realizzarsi in questa legislatura dopo decenni d'attese e di dibattiti. Già, l'Italia è un paese che ama le rivoluzioni ma affossa le riforme, come hanno imparato a proprie spese molti leader nostrani, da Berlusconi a Renzi. Sennonché il presidenzialismo ha le sue forme, i suoi modelli (sono tre). Noi rischiamo viceversa di crearne una maschera deforme. Perché siamo la patria del "quasismo", e allora ci inventiamo una riforma quasi presidenziale, quasi parlamentare. Che rafforza il peso del presidente del consiglio indebolendo i contrappesi, dal parlamento al capo dello stato. D'altronde ne abbiamo collezionate tante, di riforme pasticciate. Niente di nuovo sotto il sole. La verità è che un presidenzialismo sgangherato ce l'abbiamo già: è la capocrazia che domina la vita dei partiti, divenuti feudi d'un principe circondato da mille cortigiani; è il potere solitario dei sindaci e dei governatori; è l'abuso decisionista dei decreti legge da parte del governo di turno; è una legge elettorale che ci rende spettatori, confiscando la nostra libertà di decidere gli eletti. Per riportare ordine in questa democrazia malata, bisogna riprendere in mano la Costituzione, denunciarne i tradimenti. E in ultimo interpellare gli italiani, come accadde con i padri costituenti: giganti che guardiamo ormai da troppo lontano.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.