Il tuo browser non supporta JavaScript!

L'isola dei cannibali. Siberia, 1933: una storia di orrore all'interno dell'arcipelago gulag

titolo L'isola dei cannibali. Siberia, 1933: una storia di orrore all'interno dell'arcipelago gulag
Autore
Traduttore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana COLLANA STORICA
Editore Corbaccio
Formato Libro
Pagine 184
Pubblicazione 2007
ISBN 9788879728645
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
16,60
L'isola dei cannibali è l'isola siberiana di Nazino sul fiume Ob, dove Stalin e il suo ministro degli Interni hanno deportato all'inizio del 1933 circa 6000 cosiddetti "elementi declassati e socialmente nocivi". Provvisti unicamente di una libbra di farina al giorno, nel giro di alcuni mesi il loro numero si ridusse a 2000 e tra i superstiti si verificarono episodi di antropofagia (che diede tristemente il nome all'isola). Su questi episodi fu aperta un'inchiesta che produsse una serie di rapporti, diligentemente archiviati, ma che non ebbero alcun seguito. Il libro di Werth, basato sui documenti ufficiali pubblicati in Russia in seguito all'apertura degli archivi incoraggiata dalla perestroika, inquadra questo tragico episodio nella vita e nella politica staliniana degli anni Trenta.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento