Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Mito, simbolo, culto

Mito, simbolo, culto
titolo Mito, simbolo, culto
Autore
Curatore
Argomento Scienze Umane Antropologia
Collana Saggi
Editore Rusconi Libri
Formato
libro Libro
Pagine 448
Pubblicazione 2023
ISBN 9788818035605
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
14,90
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Il messaggio dei miti non può essere trasmesso con una riflessione esclusivamente razionale. Troppo spesso si è considerato il concetto come il migliore strumento della parola in quanto tende all'univocità necessaria per l'intelligibilità. Tuttavia ridurre il logos a concetto porta a un suo serio impoverimento, con gravi ripercussioni sulla vita umana stessa. Di fatto l'uso più corrente della parola è simbolico, perciò polivalente, non univoco e salva il discorso dal grande pericolo dell'oggettivismo, il quale facilmente porta al fanatismo. Il mito egizio (raccontato da Platone) che vede nella scoperta della Scrittura l'inizio della degenerazione della cultura racchiude una qualche verità. Un pensiero puramente oggettivo non permette altre interpretazioni. Una deduzione logica univoca non permette alcuna deviazione: 2 + 2 = 4 e solo 4. Il simbolo invece ci permette di superare l'oggettivismo senza cadere nel soggettivismo. Il simbolo non è né oggettivo né soggettivo; sta nella relazione e quindi il dialogo è indispensabile per pensare bene - e anche per vivere bene. La natura umana non è individualistica. L'uomo non è riducibile all'individuo e nemmeno a un semplice concetto. Per questo il discorso sul mito ci porta necessariamente a parlare del mezzo più potente che l'uomo ha per avvicinarsi alla realtà e ai suoi simili: il simbolo.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.