Il tuo browser non supporta JavaScript!

Achille, o dell'attesa. Per una genealogia sovverziente dell'attesa, per un'attesa che sovverta

Achille, o dell'attesa. Per una genealogia sovverziente dell'attesa, per un'attesa che sovverta
titolo Achille, o dell'attesa. Per una genealogia sovverziente dell'attesa, per un'attesa che sovverta
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Università
Editore Il Nuovo Melangolo
Formato Libro
Pagine 96
Pubblicazione 2014
ISBN 9788870189605
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
14,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Molteplici parole, in tutti gli idiomi, nascono ovvero diventano ambivalenti. Ciascuna di queste parole si contraddistingue per avere almeno "un altro da sé", è sede quanto meno di due sé consistenti, gestiti dalla regola dell'alternanza, e, per questa ragione, le parole ambivalenti sono le più prossime agli esseri umani. "Attendere", e la sua sostantivazione "attesa" si dibattono in tale ambivalenza, la quale rimanda alla contrapposizione tra il sé, costruttivo ed evolutivo, dell'attesa che evidenzia i tratti cromosomici della perseveranza, della lentezza, della quiete, della pacatezza, della costanza, dell'accortezza, della pazienza e del mistero; e il sé, distruttivo e involutivo, dell'attesa la quale effigia i tratti fisionomici dell'angoscia, dell'esitazione, della paura, della in-azione paralizzante.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.