Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Poemetti: Venere e Adone-Lo stupro di Lucrezia. Testo inglese a fronte

Poemetti: Venere e Adone-Lo stupro di Lucrezia. Testo inglese a fronte
titolo Poemetti: Venere e Adone-Lo stupro di Lucrezia. Testo inglese a fronte
Autore
Curatore
Argomento Letteratura e Arte Poesia
Collana Collezione di poesia
Editore Einaudi
Formato
libro Libro
Pagine 248
Pubblicazione 2022
ISBN 9788806257583
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
14,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Scritto nel 1593 durante la peste di Londra, il poemetto erotico-mitologico Venere e Adone dà una versione modificata della vicenda raccontata da Ovidio. Come paradigma dell'eros più carnale e ossessivo diventerà un best seller, ristampato innumerevoli volte. L'anno dopo Shakespeare riprende un episodio dell'antica storia romana: lo stupro di Lucrezia da parte di Sesto Tarquinio (figlio di Tarquinio il Superbo). Un raptus di violenza incontrollabile raccontato per la prima volta, in modo sconvolgente, direttamente dalla voce della donna che ne è vittima. Venere e Adone e Lo stupro di Lucrezia, oltre ad essere due capolavori assoluti, sono le uniche opere di Shakespeare di cui il drammaturgo abbia curato la stampa personalmente, cosa mai accaduta né con le sue opere teatrali né con i Sonetti. Si tratta di due testi di grande raffinatezza stilistica ma anche di grande potenza narrativa e drammatica. Non a caso Valter Malosti li ha messi in scena in due spettacoli memorabili e premiati. La traduzione è dunque quella realizzata per la rappresentazione teatrale. Lo stesso Malosti nell'introduzione ci racconta il personalissimo rapporto con i due poemetti e ne dà un'interpretazione originale che tiene insieme le ragioni della filologia e del teatro.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.