Il tuo browser non supporta JavaScript!

Viella: La storia. Temi

Impegno civile e passione critica

di Collotti Enzo

editore: Viella

pagine: 280

Il libro è il ritratto di un intellettuale, Enzo Collotti, che è anche uno storico dell'Europa del Novecento
30,00

Passare la mano

Memorie di una donna dal Novecento incompiuto

di Gaiotti De Biase Paola

editore: Viella

pagine: 352

28,00

A un passo dall'Apocalisse. Il collasso sovietico, 1970-2000

di Kotkin Stephen

editore: Viella

pagine: 188

Durante la Guerra Fredda nessuno avrebbe immaginato che il crollo dell'Unione Sovietica sarebbe stato scatenato da dinamiche i
25,00

Da fronti opposti. Diari di guerra (1914-1915)

editore: Viella

pagine: 173

Due donne americane di fronte alla Grande Guerra europea: Edith Wharton, scrittrice già affermata che in quegli anni sta scriv
19,00
38,00

Napoleona. L'avventurosa storia di una nipote dell'imperatore

di Zucconi Angelica A.

editore: Viella

pagine: 216

Napoleona Elisa Baciocchi, figlia di Elisa Bonaparte, era già da bambina una miniatura dello zio Imperatore: stessi lineamenti
22,00

Gli assassini della memoria. Saggi sul revisionismo e la Shoah

di Vidal-naquet Pierre

editore: Viella

pagine: 288

È possibile discutere con i revisionisti, con coloro che negano la realtà del genocidio hitleriano fino a mettere in dubbio l'
25,00

Dare forma al silenzio. Scritti di storia politica delle donne

di Rossi-doria Anna

editore: Viella

pagine: 350

Il silenzio delle donne, malgrado i secolari stereotipi sul loro troppo parlare, è antico, profondo, tenace, per certi versi p
27,00

La storia al cinema. La schiavitù sullo schermo da Kubrick a Spielberg

di Natalie Zemon Davis

editore: Viella

pagine: 174

Il rapporto fra storia scritta e storia raccontata per immagini è al centro di questa affascinante incursione di una storica nelle rappresentazioni della resistenza alla schiavitù offerte dal mezzo cinematografico. Natalie Zemon Davis, che scrisse Le retour de Martin Guerre e collaborò come consulente per l'omonimo film francese, affronta qui la questione di come l'industria cinematografica abbia ritratto gli schiavi nelle opere di cinque grandi registi: "Spartacus" di Stanley Kubrick (1960), "Queimada" di Gillo Pontecorvo (1969), "La última cena" di Tomás Gutiérrez Alea (1976), "Amistad" di Steven Spielberg (1997), "Beloved" di Jonathan Demme (1998). Attraverso la scelta di un tema specifico, l'autrice sottolinea le potenzialità proprie del cinema di narrare il passato in modo efficace e significativo e di proporre riflessioni convincenti su eventi e processi storici; a condizione però di rimanere fedele alle fonti, lasciando spazio alla creatività e all'invenzione nell'ambito della plausibilità e della verosimiglianza.
19,00

La tradizione smarrita. le origini non scritte delle letterature romanze

di Benozzo Francesco

editore: Viella

pagine: 224

Che cosa hanno in comune gli anonimi cantori antichi come e più di Omero, i bardi e i druidi celti, i trovatori, e i poeti del
22,00

La passione della storia. Un dialogo con Denis Crouzet

di Zemon Davis Natalie

editore: Viella

pagine: XVIII-190

La ricerca storica è per me uno spazio di gioia e di passione intellettuale
22,00

Il governo dei papi nell'età moderna. Carriere, gerarchie, organizzazione curiale

di Menniti Ippolito Antonio

editore: Viella

pagine: 216

Quali furono i percorsi di carriera dei papi dell'età moderna
19,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento