Il tuo browser non supporta JavaScript!

Bollati Boringhieri: Incipit

La mutazione

di Marco Bracconi

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 96

E invece adesso eccoci qui
8,00

Virus sovrano? L'asfissia capitalistica

di Donatella Di Cesare

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 89

Un quadro suggestivo dell'evento epocale che ha già segnato il ventunesimo secolo
9,00

La psicoanalisi

di Pierre Janet

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 167

Nel 1914 - esattamente un secolo fa - Pierre Janet pubblicò nel "Journal de Psychologie Normale et Pathologique" lo scritto che costituisce il testo di questo libro, qui per la prima volta tradotto in italiano. Si tratta dell'intervento tenuto al Congresso di Medicina di Londra del 1913, nel quale Janet aveva rivendicato la primogenitura di una parte delle idee che Freud andava ascrivendo esclusivamente a se stesso. Lo psicologo francese lancia con prosa graffiante anche un monito contro un certo modo di gestire la "nuova scienza della psicoanalisi", considerata un dogma intoccabile, tanto da indurre i suoi adepti a sferrare anatemi contro gli "eretici". Dopo questo intervento, Janet diventerà a sua volta un "eretico" e resterà tale per molti anni, fino a quando, in condizioni scientifiche mutate, il suo pensiero verrà riscoperto da più parti e il valore dei suoi studi sul trauma sarà riconosciuto nella sua originalità ed efficacia interpretativa, anche alla luce delle moderne neuroscienze.
13,00

Manifesto per la rinascita di una nazione. Scienza, la frontiera infinita

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 152

Nel novembre 1944, nel pieno della guerra, il Presidente degli Stati Uniti Franklin D
12,00

Metodo. Nel laboratorio di un genio

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 157

Conosciuto in antichità, passato nei secoli attraverso innumerevoli mani, da Gerusalemme a Costantinopoli a Parigi, perduto, c
12,00

Etica, scienza e fede

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 153

È sempre sbagliato, ovunque e per chiunque, credere a qualcosa in base a evidenze insufficienti
12,00

Le brave ragazze non leggono romanzi

di Francesca Serra

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 163

Si può dire che questo libro spigliato e pieno di smaltata ironia raggiunga il suo obiettivo: ribaltare i luoghi comuni legati alla lettura femminile, svelando la funzione di monumento ai vizi moderni che ha incarnato negli ultimi tre secoli. Consumatrici carnali di paccottiglia sentimentale, le giovani che divorano libri come fossero caramelle non sono intellettuali emancipate ma folli erotomani e lettrici selvagge; per questo Rousseau diceva che nessuna ragazza dai casti costumi dovrebbe leggere romanzi. Un ammonimento che ebbe lunga vita, come ci racconta Francesca Serra, passando da Alice all'inseguimento del Bianconiglio, alla Novella Eloisa che legge avidamente le lettere dell'amato Saint-Preux, fino a Marilyn Monroe, colta in uno dei suoi ultimi scatti sulla spiaggia di Long Island, mentre sfoglia l'Ulisse di Joyce. Diventare grandi lettrici è il primo passo verso il baratro morale e sessuale. Spesso conduce alla morte, come dimostra la povera Emma Bovary, che se avesse seguito i consigli di Rousseau sarebbe ancora viva, con una nidiata di figli.
12,00

Una nuova cultura dell'energia

di Luce Irigaray

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 126

In seguito a un incidente Luce Irigaray inizia, senza troppa convinzione, a praticare lo yoga. Sarà una scoperta e una rivelazione che modificherà profondamente la sua percezione del mondo. Filosofa e psicoanalista di cultura occidentale, si accosta sempre più alla filosofia orientale, diventa vegetariana, smette di fumare, adotta un nuovo ritmo di vita che comprende ogni giorno una passeggiata, la scrittura di una poesia e un momento di meditazione. Da questi semplici gesti nasce un ripensamento sulla natura stessa dell'uomo. D'ora in avanti accoglierà e farà vivere quotidianamente il precetto fondamentale della cultura dello yoga: non nuocere, né agli altri né a se stessi.
12,00

Al di là delle intenzioni

Etica e analisi

di Zoja Luigi

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 155

Più che da una presenza di cattive intenzioni, il male psicologico nasce da una assenza di consapevolezza
12,00

Tempo di crisi

di Michel Serres

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 87

Il recente terremoto finanziario e borsistico che si è abbattuto sulla nostra società offre a Michel Serres l'occasione per ri
12,00

Acrobazie in bici

di Alfred Jarry

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 101

Avido di esercizio fisico e di nuove sensazioni, Alfred Jarry - che divideva la stanza con l'adorata, e mai pagata, Clément luxe 96 - ci offre qui un'inedita lettura ispirata a una passione lontana tanto dalla competizione quanto dal cicloturismo, ai quale oppone "l'emozione della velocità nel sole e nella luce", la possibilità di "catturare nel minor tempo possibile, in un rapido drenaggio, forme e colori lungo strade e sentieri sterrati". E ci mostra i suoi protagonisti - Gesù in derapata sul Golgota, Issione attaccato alla ruota per l'eternità, l'acrobata dei velodromi - dediti, in sella a una bicicletta appunto, all'unico sforzo che per lui importava veramente: la ricerca d'assoluto.
10,00

Sul giornalismo

di Pulitzer Joseph

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 127

Quale sarà la condizione della società e della politica di questa Repubblica di qui a settant'anni, quando saranno ancora vivi
11,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.