Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il mulino: Le vie della civiltà

Filosofia dell'economia. Modelli, causalità, previsione

di Francesco Guala

editore: Il mulino

pagine: 237

È importante capire qual è la metodologia dell'economia, la disciplina filosofica che studia come le teorie economiche vengono create, controllate empiricamente, e applicate. Ad esempio, l'idea che per giustificare un intervento di politica economica nel mondo reale sia necessario un excursus nel mondo irreale dei modelli non sembra per nulla bizzarra a un economista di professione. Questo modo di procedere per modelli "irrealistici ma utili" è il primo tema su cui si concentra l'autore, che individua nel modello il mezzo per catturare le vere relazioni di causa-effetto esistenti tra le variabili economiche, necessarie per raggiungere il suo scopo ultimo: quello di essere utile per la previsione e soprattutto il controllo dei fenomeni economici.
20,00

La letteratura araba

di Roger Allen

editore: Il mulino

pagine: 326

Dagli oscuri inizi nel V secolo ai giorni nostri, viene presa in esame un'ampia varietà di testi letterari, che l'autore raggruppa per generi: dal libro sacro dell'Islam, il Corano, al patrimonio della poesia, della prosa narrativa, del teatro e della letteratura critica. Emerge così la continuità che lega la produzione contemporanea alla illustre eredità del passato, secondo una linea di sviluppo che include il ricco filone di letteratura popolare e il suo più celebre esempio: le "Mille e una notte".
21,00

La lunga età della Riforma

di Peter G. Wallace

editore: Il mulino

pagine: 336

Di solito quando si parla di Riforma ci si riferisce alla Riforma protestante che all'inizio del Cinquecento, a partire da Lutero, ruppe l'unità dell'Europa cristiana. La prospettiva di questo volume consiste nel guardare al lungo processo di rinnovamento seguito al Medioevo, dal Tre al Settecento, come a un'unica stagione di riforma, che accompagna l'inizio dell'età moderna trasformando nel profondo la vita religiosa.
22,00

Culture del consumo

di Paolo Capuzzo

editore: Il mulino

pagine: 332

I consumi sono un aspetto centrale dell'epoca contemporanea, ma il rapporto fra società, cultura e consumi ha una lunga storia che questo libro ricostruisce su un'ampia base cronologica e geografica e con un'attenzione specifica alle implicazioni culturali, economiche e politiche della diffusione del consumo. Il volume prende le mosse dalla costruzione della dimensione globale del consumo attraverso il commercio asiatico e atlantico del Sei e Settecento, discute gli effetti dalla diffusione di nuovi beni di consumo presso strati sociali sempre più ampi, ricostruisce le culture del consumo della borghesia e della classe operaia fino alle soglie del Novecento; dedica infine un capitolo alla città, teatro di nuove forme di consumo e distribuzione commerciale. L'autore dipana un'ampia narrazione storica che dalla metà del Seicento si spinge fino alla prima guerra mondiale e colloca l'esperienza europea all'interno della vicenda che dalle prime conquiste coloniali ha condotto alla formazione dell'economia mondiale.
23,50

La Repubblica delle Lettere

editore: Il mulino

pagine: 271

Fra il Rinascimento e l'Illuminismo gli uomini di cultura ebbero il sentimento di formare una comunità, una sorta di stato vir
20,00

Il mondo moderno

di Spagnoletti Angelantonio

editore: Il mulino

pagine: 320

Angelantonio Spagnoletti, modernista già autore in questa collana di una fortunata "Storia del Regno delle Due Sicilie", ha in
22,00

Friedrich A. von Hayek

di Andrew Gamble

editore: Il mulino

pagine: 334

Docente di Politica nell'Università di Sheffield, Andrew Gamble ripercorre la formazione intellettuale di Friedrich A. von Hayek, uno dei più importanti teorici del pensiero liberale del Novecento, vincitore del premio Nobel per l'economia nel 1974, e analizza alcuni dei temi principali del suo pensiero (l'idea dell'ordine di mercato, i limiti del governo) e le critiche che egli muove al pensiero socialista e conservatore.
19,50

La filosofia e l'Europa moderna

di Biagio De Giovanni

editore: Il mulino

pagine: 379

Nell'ambito di un'indagine sui fondamenti dell'identità europea che presenta gli elementi forti che contribuiscono a modellare
22,00

Storia della psicologia

di Roger Smith

editore: Il mulino

pagine: 464

Una storia della psicologia vista dall'esterno, in cui la nascita e lo sviluppo della disciplina sono situati nel loro specifico contesto culturale. La presentazione dei contributi più significativi al progredire delle conoscenze psicologiche ne sottolinea motivazioni e intendimenti originari, evidenziandone i legami con le preoccupazioni e gli interessi di un ambiente e di un momento storico-sociale. Il volume non si concentra sui fondamenti filosofici della psicologia e sulle vicende accademiche, ma piuttosto sui modi in cui le sue diverse branche hanno stabilito i propri rapporti con la società e le sue trasformazioni.
24,00

Émile Durkheim

di Gianfranco Poggi

editore: Il mulino

pagine: 234

Insieme alla biografia e alla collocazione storico-culturale, l'autore presenta le opere canoniche di Durkheim soppesando l'influenza che hanno avuto nel tempo e che tuttora esercitano. Esse sono tra i capisaldi di altrettanti filoni di studio che si misurano con temi come il metodo sociologico, la divisione del lavoro, la devianza, il diritto, la politica, la religione. In ciascuno di questi filoni Durkheim ha introdotto nozioni senza le quali lo sviluppo delle scienze sociali, quali oggi le conosciamo, non sarebbe stato possibile. Una figura intellettuale di primissima grandezza che ha destinato la sua vasta ricerca e riflessione ad un medesimo nucleo problematico: che cos'è la società e che cosa la tiene insieme?
16,00

L'autunno del Rinascimento (1550-1640)

di William J. Bouwsma

editore: Il mulino

pagine: 368

Terzo volume della serie "Storia intellettuale dell'Occidente", questo saggio indaga il Rinascimento, tradizionalmente visto come l'inizio di una indefinita fase di progresso, analizzandone il momento del declino e della crisi. Considerando l'intero complesso della cultura europea, l'autore ricapitola i tratti caratteristici del Rinascimento inteso come un generale e ottimistico moto di "liberazione" dell'individuo, del sapere, del tempo, dello spazio e mostra come quella stessa liberazione generasse timori e chiusure e come, sotto il segno dell'inquietudine e dell'angoscia, convivessero moti contrari. Osservata dalla prospettiva della fine, la cultura rinascimentale appare attraversata da ambiguità e contraddizioni, luci e ombre.
22,00

L'Europa nell'età del Rinascimento. 1480-1520

di John R. Hale

editore: Il mulino

pagine: 383

Il presente volume di John Hale, storico del Rinascimento, si propone di raccontare al lettore odierno cosa volesse dire vivere in Europa nei decenni a cavallo fra Quattro e Cinquecento, nel momento alto del Rinascimento: una storia di fatti ma anche e soprattutto di credenze, valori, atteggiamenti degli uomini, e di condizioni materiali di vita; una storia attenta al quadro politico ed economico oltre che al quadro mentale dell'uomo rinascimentale.
22,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.