Il tuo browser non supporta JavaScript!

Laterza: Quadrante laterza

Cattolici a sinistra

Dal modernismo ai giorni nostri

di Saresella Daniela

editore: Laterza

pagine: 285

Un mondo variegato e percorso da tante correnti di pensiero, quello dei cattolici legati ai temi della sinistra
22,00

Il passato del nostro presente

Il lungo Ottocento 1776-1913

di Lupo Salvatore

editore: Laterza

pagine: 214

Questo volume disegna un ponte tra l'antico regime e la modernità: il lungo Ottocento, il periodo tra le rivoluzioni (american
20,00

Sulle rotte di Ulisse

L'invenzione della geografia omerica

di Braccesi Lorenzo

editore: Laterza

Furono gli Eubei di Calcide e di Eretria i più antichi esploratori delle rotte mediterranee; marinai, mercanti, coloni, che, p
18,00

Storia dell'America latina contemporanea

di Zanatta Loris

editore: Laterza

pagine: 259

Per America Latina si intende un concetto storico, non geografico
22,00

Lezioni illuministiche

di Ferrone Vincenzo

editore: Laterza

Parafrasando Marx, verrebbe voglia di dire che uno spettro si aggira per l'Europa: lo spettro dell'Illuminismo
22,00

Storia degli Stati Uniti

di Bergamini Oliviero

editore: Laterza

pagine: 277

Un panorama agile e sintetico, ma esauriente e rigoroso, della storia degli Stati Uniti dalle origini ai giorni nostri, con pa
25,00

Storia dell'Onu

di Polsi Alessandro

editore: Laterza

Il volume narra la storia delle Nazioni Unite, la loro nascita, quando sostituirono l'ormai inefficace Società delle Nazioni,
20,00

Invasori non vittime

La campagna italiana di Russia 1941-1943

di Schlemmer Thomas

editore: Laterza

Era il 22 dicembre 1942 quando migliaia di soldati tedeschi e italiani si trovarono fianco a fianco nel tentativo di salvarsi
22,00

Lo sfascio dell'impero. Gli italiani in Etiopia (1936-1941)

di Matteo Dominioni

editore: Laterza

pagine: 379

"Tra il 9 e l'11 aprile avvenne una delle stragi più efferate di tutta l'occupazione dell'Etiopia. Un gruppo di ribelli, inseguito da una colonna italiana, si asserragliò all'interno di una grande grotta. Si trovava nella regione del Gaia Zeret-Lalomedir. L'assedio durò diversi giorni. Per avere la meglio sui ribelli si chiese l'intervento di un plotone del reparto chimico. Quando i superstiti decisero di arrendersi gli italiani divisero gli uomini e i ragazzini dalle donne e dai bambini. I primi vennero mitragliati a gruppi di cinquanta sul ciglio del burrone. I bambini e le donne non sopravvissero a lungo a causa dell'iprite." Stragi sconcertanti, deportazioni, lager: ecco l'Italia fascista in Etiopia. Dominioni ricostruisce le operazioni belliche della "più grande campagna coloniale della storia" e la mattanza che portò allo sfascio l'effimero, inutile impero voluto da Mussolini, conquistato male e governato peggio.
22,00

Cavalieri e popoli in armi

Le istituzioni militari nell'Italia medievale

di Grillo Paolo

editore: Laterza

La storia degli eserciti è sempre storia del potere e dei modi escogitati dagli uomini per procurarselo e difenderlo
20,00

Lo scudo di Achille. Idee e forme di città nel mondo antico

di Domenico Musti

editore: Laterza

pagine: 252

Come un moderno schermo cinematografico, lo scudo di Achille, opera mirabile del dio Efesto descritta nel Libro XVIII dell'Iliade, rappresenta e fa muovere le immagini di dèi, guerrieri e animali, raffigurando la vita, l'umanità e il mondo intero in forma di città. Lo scudo riproduce una polis ideale, centrata e circolare; questa tipologia urbana convive e compete, nel corso della storia dell'urbanistica greca (e antica in generale), con uno schema di città su pianta ortogonale e dalle strutture lineari. Anche nella descrizione dello scudo di Achille, la cui forma dominante è naturalmente il cerchio, compaiono elementi lineari che variano, completano e integrano la preminente forma circolare. La città come cerchio era per i greci simbolo di stabilità, armonia e condivisione, così come le linee ortogonali che ne dividevano regolarmente gli spazi erano espressione di un necessario principio di razionalità. La forma della città quale si evince dalla descrizione omerica ha esercitato una forte influenza anche sui modelli urbani di altre civiltà, come per la Roma ricostruita da Nerone e per la gigantesca Domus Aurea, grande struttura circolare che, nelle intenzioni dell'imperatore, doveva rappresentare Roma stessa e il mondo intero, di cui era il perno ideale.
22,00

Storia politica dell'integrazione europea

di Gilbert Mark

editore: Laterza

pagine: 266

Professore associato di Storia contemporanea presso la facoltà di Sociologia dell'Università di Trento, autore di saggi e volu
22,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.