Il tuo browser non supporta JavaScript!

Laterza: Quadrante laterza

L'isola ribelle. Procida nelle tempeste della Controriforma

di Giovanni Romeo

editore: Laterza

pagine: 160

Uno dei maggiori studiosi italiani dell'Inquisizione ricostruisce le secolari resistenze di una piccola isola alle imposizioni
18,00

L'autore assente. L'anonimato nell'editoria italiana del Settecento

di Lodovica Braida

editore: Laterza

pagine: 217

L'editoria europea conosce nel corso del Settecento una fase di straordinario fermento: accanto all'estensione del mercato del
22,00

Il lungo addio. La fine dell'alleanza tra Europa e Stati Uniti

di Adriana Castagnoli

editore: Laterza

pagine: 167

Dalla fine della guerra fredda, le frizioni fra USA e Unione europea sono emerse in modo sempre più evidente e le due coste de
18,00

Sessantotto. Due generazioni

di Francesca Socrate

editore: Laterza

pagine: 286

A distanza di cinquant'anni, sintetizzare con 'generazione del '68' quel movimento di rivolta che ha avuto come teatro la scen
22,00

Tra due divise. La Grande Guerra degli italiani d'Austria

di Andrea Di Michele

editore: Laterza

pagine: 251

Furono oltre centomila i sudditi dell'Impero asburgico appartenenti alla minoranza italiana che durante la Grande Guerra comba
24,00

Tommaso Campanella. Il filosofo immaginato, interpretato, falsato

di Luca Addante

editore: Laterza

pagine: 254

Un libertino che ha giocato un ruolo fondamentale nell'evoluzione della cultura europea, un irriducibile ribelle per le sue id
25,00

Ordinaria amministrazione. Gli ebrei e la Repubblica sociale italiana

di Matteo Stefanori

editore: Laterza

pagine: 225

Il 30 novembre 1943, con un'ordinanza di polizia, il governo della Repubblica sociale italiana decise di arrestare e rinchiude
24,00

Donne di fronte alla guerra. Pace, diritti e democrazia

di Stefania Bartoloni

editore: Laterza

pagine: 263

A differenza dei tanti uomini pronti a misurarsi in quella che considerarono un'eroica ed elettrizzante avventura, le donne it
24,00

L'ordine dei predicatori. I Domenicani: storia, figure e istituzioni (1216-2016)

editore: Laterza

pagine: 490

Gli otto secoli della storia dei Domenicani appaiono tutt'altro che lineari. Nell'Ordine convivono personaggi e vicende quasi contrapposti: si pensi all'impegno costante a favore dei nativi americani di Bartolomé de Las Casas e dei suoi confratelli fra le Indie e Salamanca, e d'altro canto al ruolo dei Domenicani nelle nuove forme dell'Inquisizione, o alle diverse interpretazioni della figura e dell'opera di Tommaso d'Aquino. Il libro, a ottocento anni dalla fondazione dell'Ordine, ricostruisce il complesso percorso dei Domenicani: dallo sviluppo storico alle istituzioni, dalla predicazione alle figure chiave come Domenico di Caleruega e Caterina da Siena, per arrivare ai protagonisti più vicini nel tempo come Giuseppe Girotti, morto a Dachau, e Pierre Claverie, vescovo ucciso in Algeria.
30,00

Profitti del potere. Stato ed economia nell'Europa moderna

di Silvia A. Conca Messina

editore: Laterza

pagine: 233

Tra il 1500 e il 1800 l'Europa fu interessata da una profonda trasformazione economica: la popolazione crebbe di circa due volte e mezzo, la struttura occupazionale si modificò, gli scambi aumentarono in maniera costante avviando un processo di crescente integrazione tra i mercati a livello globale. L'espansione economica pose le basi per la rivoluzione industriale e per la supremazia economica europea fino al Novecento. Ma quali furono i fattori determinanti di tale trasformazione? Che ruolo ebbe lo Stato? L'intervento dello Stato nell'economia, le guerre e la finanza pubblica rappresentarono elementi chiave alla base del diverso grado di prosperità economica. Un'analisi che contribuisce a fornire una spiegazione più compiuta della 'grande divergenza' di sviluppo tra Oriente e Occidente.
22,00

Senza lavoro. La disoccupazione in Italia dall'Unità a oggi

di Manfredi Alberti

editore: Laterza

pagine: 220

Al momento dell'Unità il lavoro era molto spesso un'esperienza discontinua. Ci si adattava trovando fonti alternative di sostentamento, esercitando diverse attività o spostandosi alla ricerca di un'occupazione. A fine Ottocento nasce una nuova consapevolezza: la mancanza di lavoro è una forma di ingiustizia contro cui occorre lottare. Chi non ha lavoro, e non per sua volontà, non tollera più di essere additato come ozioso o vagabondo. Più tardi il fascismo favorirà il mantenimento di bassi salari e la lotta alla disoccupazione diventerà poco più che uno slogan propagandistico. Sarà solo dopo il disastro della seconda guerra mondiale, in un'Italia con milioni di disoccupati, che l'intero ordinamento giuridico del paese verrà rifondato sul principio del diritto al lavoro, in vista dell'obiettivo quasi sempre disatteso della piena occupazione. Il libro incrocia dati economici, sociali, politici e culturali, proponendo un'analisi originale e completa del fenomeno che da sempre rappresenta una piaga per il nostro paese.
19,00

Dittature mediterranee. Sovversioni fasciste e colpi di stato in Italia, Spagna e Portogallo

di Giulia Albanese

editore: Laterza

pagine: 246

La marcia su Roma nell'ottobre 1922 rappresenta un vero e proprio spartiacque per le destre rivoluzionarie e conservatrici di tutta Europa. A partire da questo momento, infatti, il fascismo diviene un modello vincente: non una proposta teorica ma una nuova forma di governo, autoritaria e golpista. La crisi del regime liberale e l'avvio delle dittature in Italia, Spagna e Portogallo, esperienze considerate spesso come non confrontabili e non significative dell'Europa tra le due guerre, si rivelano in realtà paradigmatici di una crisi che negli anni Trenta si manifesterà nel continente con tutta la sua forza distruttiva.
25,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.