Il tuo browser non supporta JavaScript!

Manifestolibri: Contemporanea

La morte del PCI

di Guido Liguori

editore: Manifestolibri

pagine: 191

Il 12 novembre 1989 - vent'anni or sono - il segretario del Partito comunista italiano Achille Occhetto annunciò, tre giorni dopo la "caduta del Muro di Berlino", il cambio di nome del partito fondato da Gramsci nel 1921, avviando due anni di dibattiti appassionati a cui presero parte centinaia di migliaia di persone. E dando inizio, di fatto, alla "morte del Pci". Dopo la quale come tessere di un domino - mutarono radicalmente la sinistra, tutti i partiti e l'intero sistema politico italiano. Questo libro ricostruisce il dibattito di quei due anni, le ragioni degli schieramenti favorevoli o contrari allo scioglimento del Pci, delineando sinteticamente e in modi a tutti comprensibili l'identità di quel partito, la sua peculiarità (dovuta, oltre che a Gramsci, a dirigenti della levatura di Togliatti e Berlinguer), i suoi errori, il suo declino, la sua fine, indagandone le cause nella storia e nei cambiamenti di cultura politica. E cercando anche di capire cosa l'odierna "sinistra invertebrata" (Perry Anderson) debba "copiare" da quella forza politica che fu il più grande partito comunista dell'Occidente.
20,00

Rapporto sul razzismo in Italia

editore: Manifestolibri

pagine: 284

Il razzismo in Italia non è più "emergenza", ma un atteggiamento quotidiano e diffuso su tutto il territorio nazionale che all
22,00

La destra sociale da Salò a Tremonti

di Guido Caldiron

editore: Manifestolibri

pagine: 159

Il successo della destra nel nostro paese si è avvalso anche di un cospicuo favore popolare e operaio, soprattutto nelle regioni del Nord conquistate dalla Lega con argomentazioni xenofobe e populiste. Cosa ha spinto nel passato e spinge oggi i ceti popolari tra le braccia della destra? Mentre la crisi economica divide i lavoratori e rievoca oscuri fantasmi ideologici, le parole d'ordine della destra sociale, le reazioni identitarie e i nuovi comunitarismi regressivi prendono sempre più piede. Questo libro cerca di rintracciarne nel passato (dal fascismo al peronismo, dalla rivoluzione conservatrice americana al Fronte Nazionale di Le Pen) le radici e i dispositivi tuttora operanti nel liberismo populista italiano e nelle forze politiche che ne sono espressione.
15,00

Global. Biopotere e lotte in America Latina

editore: Manifestolibri

pagine: 222

In molti paesi sudamericani si sono succeduti negli ultimi anni imponenti movimenti popolari e indigeni e cambiamenti di governo che non ricalcano la fisiologia del ricambio interno delle élite dominanti o quella del golpe autoritario. Questi fenomeni, al contrario, introducono una relazione aperta e produttiva con una nuova composizione sociale e politica delle classi subalterne. Gli autori esaminano la storia dei tre grandi colossi del continente, Brasile, Messico e Argentina, seguendo l'idea che all'inizio stiano sempre le lotte operaie e proletarie e solo dopo lo sviluppo capitalistico: l'innovazione prima di essere tecnica è sempre sociale. Con la crisi delle sovranità nazionali, delle loro ideologie e dei loro modelli di sviluppo, che non hanno saputo sconfiggere diseguaglianze e miseria, l'America Latina si va trasformando in un potente laboratorio nel quale prendono forma nuove figure di democrazia radicale e modelli di gestione collettiva dei beni comuni.
12,00

Gaza

Restiamo umani. Dicembre 2008-gennaio 2009

di Arrigoni Vittorio

editore: Manifestolibri

pagine: 127

I giorni della sanguinosa offensiva israeliana "Piombo fuso" contro la Striscia di Gaza, andata avanti dal 27 dicembre 2008 al
7,00

Il fallimento di Gorbaciov

di Osvaldo Sanguigni

editore: Manifestolibri

pagine: 277

Nel novantesimo anniversario della Rivoluzione d'Ottobre, e a più di vent'anni dell'inizio della Perestrojka, questo libro propone un'analisi documentata del fallimento del riformismo gorbacioviano, e del definitivo crollo dell'Unione Sovietica. Ripercorre poi gli esiti economicamente disastrasi e politicamente autoritari che ne sono scaturiti. Basandosi su una documentazione ricchissima, il volume ricostruisce le tappe, i limiti e i fallimenti della politica gorbacioviana dal 1985 al 1991, rivelandone aspetti del tutto sconosciuti e mostrando i limiti di analisi e di capacità di previsione che la condannarono all'insuccesso.
15,00

Distanza di sicurezza. Cronache del mondo rimosso

di Slavoj Zizek

editore: Manifestolibri

pagine: 174

I temi più scottanti dell'attualità politica e della discussione pubblica, dalla guerra irachena al neoconservatorismo americano, dai conflitti etnici alla crisi della democrazia e del diritto internazionale, al rapporto irrisolto tra l'Europa dell'Est e quella dell'Ovest, affrontati attraverso gli strumenti della filosofia, della psicoanalisi e dell'antropologia da uno dei più originali e imprevedibili autori cosmopoliti di oggi. In una serie di brevi saggi che commentano a caldo gli eventi politici e culturali, Slavoj Zizek descrive con la sua particolare capacità critica gli aspetti più inquietanti, minacciosi e generalmente rimossi che caratterizzano il presente.
12,00

Che fine ha fatto la lotta di classe?

di John Holloway

editore: Manifestolibri

pagine: 136

"Se vogliamo cambiare la società, dobbiamo pensarla come qualcosa creata dalle persone e che le persone stesse possono cambiare". E cambiarla è necessario, perché "la lotta di classe non è mai stata tanto crudele e violenta come lo è oggigiorno". Questo volume raccoglie gli appassionati interventi di uno dei più radicali e amati teorici della lotta globale contro il neoliberismo. Holloway ci dipinge nitidamente l'asprezza dei conflitti contemporanei, i nuovi soggetti che ne sono protagonisti, la catastrofe economica e umanitaria verso cui ci sta conducendo il sistema economico dominante nel mondo. Con una originalità di argomenti e con una capacità di convinzione che pochi critici contemporanei del capitalismo riescono a raggiungere, l'autore ci pone di fronte alle più drammatiche sfide del presente.
15,00

Scritti quotidiani

di Caffè Federico

editore: Manifestolibri

pagine: 156

Nel 1982, quando Federico Caffè invia al giornale queste righe, il manifesto è alla sua ennesima sottoscrizione e il professor
7,90

GlobAL. Biopotere e lotte in America Latina

editore: Manifestolibri

pagine: 222

Questo libro è il tentativo di leggere le trasformazioni nel momento in cui le vecchie politiche statunitensi ed europee in America Latina, di dipendenza economica e repressione militare, hanno fatto bancarotta, mentre i contatti fra le forze politiche, civili e statali, dell'emisfero sudamericano cominciano a stabilirsi su un terreno non solo democratico, ma anche costituente: apertura ai movimenti, gestione collettiva dei beni comuni, nuove figure di democrazia partecipativa, o senz'altro di democrazia radicale. Ciò che accade nei grandi laboratori di Brasile, Messico e Argentina si presenta ormai come un modello di valore globale.
19,00

Parole in libertà. Un'analisi statistica e linguistica dei discorsi di Berlusconi

editore: Manifestolibri

pagine: 142

Questo libro analizza scientificamente sul piano linguistico e stilistico i discorsi ufficiali e informali del cavaliere (111 interventi pronunciati nell'arco di dodici anni), mettendoli a confronto con il vocabolario di altri politici. Rispetto alla cortina di retorica che offuscava il linguaggio politico della prima repubblica, Berlusconi ha introdotto periodi brevi, diretti e facilmente comprensibili. Ma dietro questa chiarezza sintattica l'analisi ipotizza una capacità di mistificazione.
15,00

Via Rasella. La storia mistificata. Carteggio con Bruno Vespa

di Rosario Bentivegna

editore: Manifestolibri

pagine: 117

Il volume ricostruisce sinteticamente la verità sull'attentato di Via Rasella, sulla base di documenti e accertate acquisizioni storiografiche, mettendo in luce il carattere ideologico e forzato di tante "revisioni" mediatiche della storia italiana tra il fascismo e la Resistenza. Nel carteggio, Bentivegna e Vespa polemizzano argomentando le rispettive posizioni.
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.