Il tuo browser non supporta JavaScript!

Mondadori bruno: Economica

Città e memoria. Beirut, Sarajevo, Berlino

editore: Mondadori bruno

pagine: 221

Piazza dei Martiri a Beirut, Potsdamer Platz a Berlino, quartieri interamente trasformati come Grbavica e Ilidza a Sarajevo: l
12,00

Il divorzio in Italia. Partiti, Chiesa, società civile dalla legge al referendum (1965-1974)

di Giambattista Scirè

editore: Mondadori bruno

pagine: 224

La complessa vicenda del divorzio in Italia è ricostruita da Giambattista Scirè attraverso lettere inedite e interviste ai pro
12,00

Bioetica cattolica e bioetica laica

di Giovanni Fornero

editore: Mondadori bruno

pagine: 268

Questo libro fornisce una panoramica imparziale, e al tempo stesso chiara e documentata, di un argomento di grande attualità, che sta condizionando profondamente il dibattito culturale e politico del nostro paese. Questa nuova edizione ampliata dell'opera - ormai ritenuta una sorta di classico sul tema contiene sia un "Poscritto 2009", in cui si traccia un bilancio critico complessivo della situazione odierna, avanzando, tra le altre cose, la suggestiva ipotesi di un "cambiamento di paradigma" da parte della Chiesa, sia un'estesa "Appendice" sui diversi modi di rapportarsi al problema bioetico dell'aborto.
10,00

Storia del Medioevo

editore: Mondadori bruno

pagine: 599

Se il medioevo fosse veramente quella fatidica "età di mezzo" imposta da quasi un secolo di storiografia classica e filo-rinas
13,00

Rappresaglie dopo la Resistenza. L'eccidio di Schio tra guerra civile e guerra fredda

di Sarah Morgan

editore: Mondadori bruno

pagine: 171

La notte del 6 luglio 1945 un gruppo di partigiani irrompe nel carcere di Schio aprendo il fuoco sui "fascisti" lì rinchiusi e
12,00

Aristotele

di Alberto Jori

editore: Mondadori bruno

pagine: 572

Aristotele, "il maestro di color che sanno", secondo la celebre formula dantesca, per molti secoli è stato considerato il Filo
16,00

L'aggressività femminile

di Marina Valcarenghi

editore: Mondadori bruno

pagine: 191

Sembra essere successo qualcosa in tempi molto lontani che ha indotto la compressione dell'aggressività non di una ma di tutte le donne, qualcosa che potrebbe essere una mutazione istintiva legata a uno stato di necessità, forse a esigenze conservative della specie. I sintomi di questa artificiale repressione si esprimono in comportamenti deficitari o eccessivi come: autolesionismo, abitudine al lamento, senso di colpa, dipendenza, insicurezza o ansia di controllo, prepotenza e atteggiamenti insofferenti e collerici. L'istinto aggressivo femminile è ammalato perché non riesce a esprimere una conveniente autodifesa dello spazio fisico, psichico e sociale e non risulta quindi capace di affermare e proteggere con efficacia l'identità soggettiva. Affrontando l'antico stato di necessità, riconoscendo il dolore per una lontana e comune ferita all'istinto e collegando quella ferita ai sintomi di oggi, diventa progressivamente possibile riscoprire l'energia aggressiva e con essa il desiderio e la capacità di affermare quella forma del pensiero e del sentimento che costituisce il modo femminile di stare nel mondo, un modo ancora in larga misura sommerso, ormai necessario non solo all'equilibrio della personalità femminile, ma forse anche alla salvezza del genere umano.
10,00

Storia dello scetticismo

di Popkin Richard H.

editore: Mondadori bruno

La riscoperta di Sesto Empirico e il dilagare dello scetticismo rinascimentale non sono stati una parentesi transitoria nella
11,00

Le Migrazioni di ieri e di oggi. Una storia comparata

di Giovanni Gozzini

editore: Mondadori bruno

pagine: 195

II testo presenta un'analisi su scala planetaria dei movimenti migratori effettuata in comparazione con i movimenti di persone
11,00

Storia della fotografia

di Angela Madesani

editore: Mondadori bruno

pagine: 411

Una panoramica completa della storia della fotografia lunga quasi centosettant'anni, in cui vengono messe a fuoco alcune delle
19,00

Autorità. Subordinazione e insubordinazione: l'ambiguo vincolo tra il forte e il debole

di Richard Sennett

editore: Mondadori bruno

pagine: 203

Trascurato dal dibattito internazionale e dalle scienze sociali del nostro tempo, il tema dell'autorità, e più in generale del potere come chiave di interpretazione dei legami sociali, è più che mai attuale. Questo studio, scritto trent'anni fa, risulta tuttora spiazzante, scomodo disturbante. Lungi dal fornire soluzioni definitive, "Autorità" vuole insegnare a pensare, a esercitare il proprio spirito critico senza adeguarsi al flusso lineare della comunicazione o accontentarsi di ricette preconfezionate. Attingendo a materiali storici e sociologici, testimonianze, esempi letterari ed esperienze personali, Sennett svela i legami profondi tra i processi macrosociali e l'esperienza soggettiva di ogni individuo, dando modo di comprendere anche al lettore non specialista che questi legami lo riguardano in prima persona. Rompendo il velo dell'ovvio, del senso comune, delle ideologie correnti, l'autore invita a fare nostra questa esperienza, ad appropriarcene come spazio d'azione, a incidere su ciò che accade: solo riconoscendo il vincolo di autorità saremo in grado di metterlo in discussione e di produrre un autentico cambiamento sociale attraverso un'emancipazione individuale e collettiva.
11,00

L'Avana

di Claudia Lightfoot

editore: Mondadori bruno

pagine: 300

Un viaggio letterario e culturale che intende trasmettere il fascino della capitale cubana descrivendone gli aspetti che ne cr
13,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.