Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Piano B: La mala parte

La battaglia come esperienza interiore

di Ernst Jünger

editore: Piano B

pagine: 160

In questo saggio breve scritto immediatamente dopo la fine delle ostilità e la sconfitta dell'Impero tedesco - l'unico lavoro
14,00

Sulla religione

di Arthur Schopenhauer

editore: Piano B

pagine: 104

Sulla religione raccoglie una serie di brevi saggi, pamphlet e un dialogo dello scrittore e filosofo tedesco sul tema della religione. In Sulla religione si ripropongono saggi poco conosciuti al grande pubblico, ma che a pieno titolo stanno tra quelle cosiddette "opere minori" di Schopenhauer che hanno riscosso grande popolarità tra le più variegate tipologie di lettori. Sulla religione non fa eccezioni, e il rapporto tra uomo e Dio, con i suoi inganni ed autoinganni, verità rivelate e smentite, abusi e storture viene sviscerato con la consueta intelligenza e caustica ironia. L'ebraismo, l'islamismo e il cristianesimo sono analizzati, soppesati e giudicati con intelligenza e profondità. Grazie all'inconfondibile stile aforistico, acuto e al contempo semplice e chiaro il filosofo nato a Danzica fa luce su 5.000 anni di "storia di Dio", dall'induismo, di cui Schopenahuer fu primo e grande divulgatore in Europa, all'ebraismo, padre del fanatismo islamico e crociato. La certezza di Schopenhauer di vedere il cristianesimo (e le religioni tutte) prossime all'estinzione, le divagazioni illuminanti sul rapporto tra religioni e animali, tra dei e demoni, morale e potere e perfino la massima cardine di questo volume "si tratta di credere o di pensare" restituisce tutta l'attualità e la forza viva di questi scritti.
12,00

Il diritto alla pigrizia (e qualche preghiera capitalista)

di Paul Lafargue

editore: Piano B

pagine: 80

Il diritto alla pigrizia è un pamphlet ironico e polemico su quella che l'autore definisce «l'assurda mania per il lavoro» che
9,00

Stupefatti! Trattato degli eccitanti moderni. Il poema dell'hashish, sulla coca. Perché la gente di droga?

editore: Piano B

Stupefatti! è una raccolta di 4 saggi brevi che vertono sul tema della droga scritti da grandi autori della letteretaura moderna: Balzac con Il trattato degli eccitanti moderni, Baudelaire con Il poema dell'hashish, Freud con Sulla Coca e Tolstoj con Perché la gente si droga?. Partendo dal caffè e dall'alcol per finire all'hashish e alla cocaina questi quattro grandi autori prendono in esame gli effetti sull'uomo e sulla società umana che la "droga" inizia ad avere sin dall'inizio del secolo scorso. Senza scadere in una acritica esaltazione della droga e neppure in un preconcetto rifiuto di analisi, ma in un tentativo di capire le cause di un fenomeno crescente - come in Tolstoj - o di spiegarne gli effetti e i terribili postumi - come in Baudelaire, Balzac e Freud, che provarono le droghe su se stessi. Stupefatti riesce a offrire un punto di vista fuori dagli schemi consueti, cercando, al di là della tradizionale divisione tra proibizionisti e antiproibizionisti, di capire un fenomeno in costante ascesa: quello del consumo di droghe nella società moderna.
13,00

Visioni democratiche

di Whitman Walt

editore: Piano B

pagine: 120

12,00

Sull'umorismo

di Luigi Pirandello

editore: Piano B

pagine: 176

9,00

Fiabe e leggende

di Hermann Hesse

editore: Piano B

pagine: 192

"Alla fine il Signore Iddio ebbe misericordia e pose fine lui stesso ai giorni dell'uomo, che si erano conclusi con la sanguin
13,00

Il trionfo della stupidità

di Bertrand Russell

editore: Piano B

Il trionfo della stupidità raccoglie oltre settanta articoli brevi scritti tra il 1930 e il 1935, per la sezione culturale del
14,00

Sul tempo perso a perdere tempo. I ripensamenti oziosi di un ozioso

di Jerome K. Jerome

editore: Piano B

pagine: 224

"Sul tempo perso a perdere tempo. I ripensamenti oziosi di un ozioso" è un'opera di Jerome K. Jerome inedita in Italia. È l'ideale seguito de "I pensieri oziosi di un ozioso", sempre pubblicati da Piano B, e Jerome lo diede alle stampe dopo il grande successo del primo volume, che affermò lo scrittore sulla scena letteraria inglese ed europea. Questo ideale proseguimento attinge alla stessa vena umoristica, per mettere in ridicolo o semplicemente descrivere episodi della sua vita e la società a lui contemporanea. Ma è anche un'opera di un Jerome più maturo, di quindici anni più vecchio, che ogni tanto si sofferma a riflettere sul senso della vita e sull'esperienza di "essere umani", accantonando per un attimo la sua ironia. Un'opera completa, dalle molte sfaccettature e registri stilistici, piena di grande talento letterario e artistico. "Sul tempo perso a pensarci due volte", "Sull'arte del decidersi", "Sullo svantaggio di non ottenere ciò che si desidera", sono solo alcuni dei titoli fra i quattordici saggi che costituiscono il volume.
15,00

Nietzsche. La lotta col demone

di Stefan Zweig

editore: Piano B

pagine: 160

Un ritratto della persona e del genio di Nietzsche, piuttosto che un esame accademico o critico della sua opera e della sua filosofia. Fin dalle prime righe lo scrittore austriaco presenta la "tragedia di Nietzsche", una tragedia "senza tempo" e "senza personaggi". Zweig racconta di un uomo quasi del tutto cieco, tormentato da violenti mal di stomaco e terribili mal di testa, intento a condurre un'esistenza solitaria, separata, girovagando come un "vagabondo dello spirito" in anonime pensioni, ossessionato da cibo, tempo e dalla sua malcerta salute. In Nietzsche però la tragedia della sua esistenza, la sua assoluta solitudine, la sua passione per la verità, sono fatti essenziali e inseparabili dal suo turbinoso sviluppo intellettuale, e dunque fondamentali per comprenderne l'unicità dell'opera e del pensiero. Per questo il magistrale ritratto dell'uomo Nietzsche e della sua tragica traiettoria esistenziale resta ancora oggi un impressionante documento per comprendere in profondità il pensiero del filosofo del superuomo e della volontà di potenza.
13,00

Una guida per i perplessi

di Ernst F. Schumacher

editore: Piano B

pagine: 120

"Una guida per i perplessi" è il testamento spirituale dell'economista e filosofo tedesco E. F. Schumacher (1911-1977), padre putativo del "movimento per la decrescita". Questo libro tenta di ridisegnare ex-novo una vera e propria "guida" da fornire all'uomo moderno, una "mappa della conoscenza e del vivere" grazie a cui poter tornare a orientarsi e a muoversi con sicurezza nel mondo e nelle relazioni con gli altri. Infatti il soggetto di studio del filosofo ed economista tedesco è l'uomo di oggi, "perplesso" sul proprio destino, la cui esistenza è completamente permeata dal materialismo e dallo scientismo, schiacciato da forze inique e cieche, privato di un fine a cui tendere. "Cosa dovrei fare della mia vita?", "Qual è il significato della religione e dell'arte?", "Cos'è la realtà?", "Conosco me stesso e gli altri?", sono alcune tra le domande fondamentali che il positivismo e il materialismo hanno liquidato come "superflue", "soggettive" e non "degne" di indagine. In questa "guida per vivere nel mondo", Schumacher rinuncia ai paradigmi dello scientismo e invita il lettore a rivolgersi su se stesso e riprendere possesso della propria vita e del senso dell'esistenza, per "vivere" e non semplicemente "essere vissuto".
15,00

Le tentazioni del paradiso

di Henry David Thoreau

editore: Piano B

pagine: 120

"Le tentazioni del paradiso" (1843) è uno scritto giovanile di Henry D
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.