Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Ontologia e violenza. Lezioni milanesi (2016-2017)

Ontologia e violenza. Lezioni milanesi (2016-2017)
Titolo Ontologia e violenza. Lezioni milanesi (2016-2017)
Autore
Curatore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Piccola biblioteca, 4
Editore Mimesis
Formato
libro Libro
Pagine 170
Pubblicazione 2019
ISBN 9788857554099
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
14,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Per comprendere l'attualità si deve andare alle sue radici. Queste "Lezioni milanesi" ne tracciano il percorso logico: la tecnoscienza dominerà il pianeta in quanto ascolta il "sottosuolo filosofico del nostro tempo", che mostra che l'Eterno della tradizione è impossibile perché nega ciò che da sempre è ritenuto evidente, il diventare altro delle cose. Vivere significa credere nel diventare altro; ma questo credere è la radice di ogni violenza, perché vuole che appaia ciò che non appare. Storicamente questa violenza si presenta con volti diversi: nell'esistenza primitiva come volontà di "sgretolare la barriera" circostante; nel mito e nelle religioni come tentativo di uccidere il dio; nella filosofia come ontologia. Ma l'uomo non è solo questa violenza radicale: è anche il luogo in cui appare l'innegabilità e perciò eternità dell'essente. E poiché questo apparire è destinato a non chiudersi mai (Gloria), nel suo profondo l'uomo è destinato all'infinito. A quella che Fichte definiva "vita beata".
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.