Il tuo browser non supporta JavaScript!

La peste di Milano

novità
La peste di Milano
titolo La peste di Milano
autore
curatore
argomento Letteratura e Arte Classici
collana Biblioteca Milanese, 28
editore La vita felice
formato Libro
pagine 260
pubblicazione 2021
ISBN 9788893464840
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
13,50
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Nel "De Pestilentia" di Federico Borromeo vi è il ritratto di una città che sta soffrendo e dell'anima di un uomo. La città è Milano, tormentata dalla peste del 1630, percorsa dai carri colmi di cadaveri, monatti e untori. L'uomo è lui, il cardinale, cugino di san Carlo: uomo deciso e imprevedibile, che affida alle pagine di un trattatello la descrizione terrificante di un incontro con il vasto spettacolo allestito dalla morte. Ma il De Pestilentia è anche altro. Scritto di getto durante i giorni del contagio, queste pagine sono una sorta di commiato tra Federico e la sua Milano. Un addio straziante, attuato con una descrizione minuziosa degli avvenimenti e della follia che ben presto si impadronì degli animi. In questa breve opera vi è anche un raro compendio: in poche pagine si avverte quel che poteva essere una pestilenza. Milano è lo spunto, ma la descrizione riguarda i terribili effetti del morbo in ogni tempo. Da Tucidide a Boccaccio, da Omero a Federico, il teatro di morte invita lo scrittore alle supreme riflessioni.
 

Biografia dell'autore

Federico Borromeo

(Milano, 16 agosto 1564 - 21 settembre 1631) cardinale e arcivescovo. Studiò a Pavia presso il Collegio Borromeo laureandosi in teologia e in diritto. Presi gli ordini minori nel clero diocesano, nel 1585 si trasferì a Roma per proseguire gli studi classici. Arcivescovo di Milano dal 1595, nel 1609 fondò la Biblioteca Ambrosiana; nel 1618 corredò una raccolta di statue e di quadri, la cosiddetta Quadreria Ambriosiana che in seguito diverrà la Pinacoteca Ambrosiana. Seguì l'esempio del cugino san Carlo Borromeo nel disciplinare il clero, fondando chiese e collegi a proprie spese, applicando i canoni del concilio di Trento, dando esempio di grande carità durante la carestia del 1628 e la peste del 1630. Morì a Milano il 21 settembre 1631.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento