Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Luce nera. Strindberg, Paulhan, Artaud e l'esperienza della materia

Luce nera. Strindberg, Paulhan, Artaud e l'esperienza della materia
titolo Luce nera. Strindberg, Paulhan, Artaud e l'esperienza della materia
Autore
Argomento Letteratura e Arte Letteratura e Linguistica
Collana Argonauti
Editore Medusa Edizioni
Formato
libro Libro
Pagine 236
Pubblicazione 2006
ISBN 9788876980596
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
20,00
 
"C'è una luce che viene da Dio e una luce che è Dio stesso. Questa seconda luce è nera". Henry Corbin invitava a considerare in questi termini l'espressione persiana "nur-e-syah" (luce nera). D'altronde, già dai primi anni del '900, partendo dall'idea che fosse possibile individuare un "rovescio della luce" e che il nero rappresentasse tutt'altro che l'assenza di colore, una schiera di artisti, scrittori, uomini di teatro e scienziati si misero al lavoro per sondare quello che sembrava uno dei più enigmatici misteri della materia e delle sue metamorfosi. Strindberg, a Parigi, iniziò a studiare i processi chimici di trasformazione dei minerali, e a verificarli nel campo della fotografia. Le sue "cristallografie" influenzarono artisti e scrittori che diedero vita a una comunità eccentrica che univa figure molto diverse tra loro come Daumal, Michaux, Paulhan, Le Bon, Braque, Queneau fino a Breton, Aragon e Dalì.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.