Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Ad familiares. Lettere ai familiari

Ad familiares. Lettere ai familiari
Titolo Ad familiares. Lettere ai familiari
Autore
Curatori ,
Argomento Letteratura e Arte Classici
Collana Classici latini
Editore Utet
Formato
libro Libro
Pagine 848
Pubblicazione 2023
ISBN 9791221206425
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
24,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
«La patria ormai l'ho pianta più dolorosamente e più a lungo di quanto una madre abbia mai pianto la perdita dell'unico figlio», scrive Cicerone in una lettera all'amico Papirio Peto. Intimo affetto e impegno civile, questi i due fili che legano insieme il corpus di epistole che il celebre oratore scrisse tra il 63 e il 43 a.C., durante gli anni più tumultuosi della res publica. E tra privato e politica si dividono anche i numerosi destinatari delle lettere: da un lato si ritrovano i grandi protagonisti della scena pubblica, tra cui lo stesso Cesare, che Cicerone appella con un bene volo «mi Caesar», consapevole di quanto la retorica sia influente nei giochi di potere. Dall'altro invece gli affetti più intimi, tra cui la moglie Terenzia e l'adorata figlia Tullia, ma anche il fedele liberto Tirone, legato a Cicerone da un affetto sincero, capace di superare le differenze di status. Ciò che emerge dalle epistole non è solo il racconto perspicace e lucido della "rivoluzione romana", quando il sangue fratricida bagnava le strade di Roma al culmine della guerra civile, ma anche il ritratto umano di uno dei più grandi protagonisti dell'età repubblicana, emblema di giustizia e di libertà, che non nasconde le sue preoccupazioni e fragilità nelle parole riservate ai confidenti più stretti. Se infatti grande è il timore dinnanzi all'avanzata dell'impavido Cesare, altrettanto grande è il dolore che prova avendo lasciato moglie e figlia da sole nell'Urbe teatro di guerriglia, un dolore accentuato dalla mancanza di notizie di quel figlio che ha deciso di salire sul carro di Cesare, voltandogli le spalle. Le epistole ad familiares restano certamente una fonte storiografica di eccellenza, ma rimangono anche la più grande testimonianza della personalità umanissima di Cicerone, fondata su saldi ideali e principi, quelli di un uomo pronto a sacrificare la vita nel momento in cui Roma perdeva la sua libertà.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.