Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Relazioni pericolose. Italia fascista e Russia comunista

sconto
20%
Relazioni pericolose. Italia fascista e Russia comunista
titolo Relazioni pericolose. Italia fascista e Russia comunista
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana Studi e ricerche
Editore Il mulino
Formato
libro Libro
Pagine 360
Pubblicazione 2023
ISBN 9788815383495
 
Promozione valida fino al 16/06/2024

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
32,00 25,60
 
risparmi: € 6,40
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Quali furono i rapporti che legarono l'Unione sovietica e l'Italia fascista tra il 1924 e il 1941, anno d'inizio della campagna di Russia? A partire da fonti di archivio russe e italiane, Maria Teresa Giusti riscostruisce la storia poco conosciuta di queste relazioni, nell'intrecciarsi delle direttrici economiche e geopolitiche impostate dai governi liberali con quelle dettate dall'avvento al potere del fascismo. Mussolini dimostrò da subito interesse per la Russia con l'obiettivo di stipulare accordi commerciali per ottenere materie prime ed esportare i prodotti dell'industria italiana. Reinserire la Russia sovietica nella comunità internazionale avrebbe, inoltre, garantito un bilanciamento, a vantaggio dell'Italia, dell'influenza britannica e francese nei Balcani e nel Mediterraneo. Tra quanti agevolarono e promossero lo sviluppo di queste «relazioni pericolose» fra due totalitarismi antitetici, ma legati dal comune odio per le democrazie liberali, spiccano le figure iconiche di Italo Balbo, che al termine della trasvolata sul Mediterraneo orientale fu accolto con grandi onori a Odessa, e di Umberto Nobile, che collaborò attivamente allo sviluppo della dirigibilistica sovietica.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.