Il tuo browser non supporta JavaScript!

Nomen. Il nome proprio nella cultura romana

Nomen. Il nome proprio nella cultura romana
titolo Nomen. Il nome proprio nella cultura romana
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana Antropologia del mondo antico, 9
Editore Il mulino
Formato Libro
Pagine 236
Pubblicazione 2018
ISBN 9788815274366
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
20,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Nel mondo romano la leva di un esercito iniziava sempre con soldati chiamati Valerius o Salvius perché considerati nomi di buon auspicio; i provvedimenti di damnatio memoriae comportavano il divieto per i discendenti del condannato di portare il suo medesimo prenome o ne privavano i figli anche viventi; i nomi geografici di cattivo auspicio, come Malevento o Epidamno, erano modificati in toponimi beneauguranti (Benevento) o almeno neutri (Durazzo), mentre alle nuove colonie si davano nomi che suggerissero abbondanza o potenza, come Florentia o Valentia. Un riserbo impenetrabile avvolgeva poi il nome segreto di Roma, che andava custodito per evitare che i nemici se ne appropriassero a danno della città. I nomi erano coinvolti insomma in un gran numero di pratiche culturali, delle quali dà conto questa indagine.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.