Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

L'epopea infranta. Retorica e antiretorica per Garibaldi

L'epopea infranta. Retorica e antiretorica per Garibaldi
Titolo L'epopea infranta. Retorica e antiretorica per Garibaldi
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana La zattera
Editore Medusa Edizioni
Formato
libro Libro
Pagine 136
Pubblicazione 2011
ISBN 9788876982248
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
15,50
 
Il mito di Garibaldi e dei Mille riletto attraverso alcuni snodi cruciali della storia dell'Italia unita, ricorrendo alla testimonianza dell'arte, tra letteratura, pittura, scultura e cinema, alla sua forza celebrativa ma anche demistificante, alla sua capacità di prendere alle spalle i grandi eventi canonizzati dalla storiografia e i monumenti a essi dedicati. 1860-1867, da Quarto a Mentana: le memorie di Abba e gli altri scrittori garibaldini, i ritratti di Lega, Fattori e Induno, là dove quel mito si genera, ma presto anche si svuota accogliendo i più diversi, e spesso contraddittori, significati. Dopo il 1892: i fasci siciliani e scandalo della Banca romana, un'epopea di medaglie, stracci e camicie rosse che comincia a corrompersi, tra un quadro di Coromaldi, De Roberto dei Viceré e I vecchi e i giovani di Pirandello. 1907-1911: anni di celebrazioni garibaldine per un poeta vate, il Pascoli dei Poemi del Risorgimento (ma anche D'Annunzio), e la sua puerilità monumentale, di decisiva importanza per la futura e nera storia d'Italia. 1914-1925: i garibaldini di Nomellini e i "santi maledetti" di Malaparte, in guerra perenne coi loro popoli. 1930-1934: il Garibaldi del duce, della mafia e di Alessandro Blasetti. 1942-1952: Jovine, Alianello e il Guttuso di Ponte dell'Ammiraglio, quando il mito evapora.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.