Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Ritmografie. Derrida, la letteratura, la cenere

Ritmografie. Derrida, la letteratura, la cenere
titolo Ritmografie. Derrida, la letteratura, la cenere
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Opuscula, 253
Editore Il Nuovo Melangolo
Formato
libro Libro
Pagine 160
Pubblicazione 2020
ISBN 9788869832383
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
17,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
«Ritmo che si dà il suo ordine senza lasciarsi imprigionare da questo. La letteratura non conosce prigionia, fosse pure quella del senso di cui pure non può fare a meno: la letteratura, che nel corso della sua storia ha - più o meno consapevolmente - parassitato categorie e orizzonti della tradizione filosofica, mostra al contempo la chance di una possibile liberazione da tali orizzonti, il che equivale a dire che la letteratura mantiene intatta la possibilità di liberarsi di sé». Jacques Derrida ha instancabilmente attraversato la letteratura senza permettere che paratoie disciplinari o astratte questioni di metodo ostacolassero letture e percorsi, incontri e innesti. Che si tratti di Agostino o di Jean Genet, di Hélène Cixous o di William Shakespeare, la scrittura del filosofo algerino si è sempre mossa alla ricerca di un "ritmo" capace di inaugurare prospettive inedite sia per la letteratura, sia per la filosofia. È dunque dal "ritmo" che occorre forse ripartire...
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.