Il tuo browser non supporta JavaScript!

Fedeli al sogno. La sostanza onirica da Omero a Derrida

Fedeli al sogno. La sostanza onirica da Omero a Derrida
titolo Fedeli al sogno. La sostanza onirica da Omero a Derrida
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Nuova Cultura, 331
Editore Bollati Boringhieri
Formato Libro
Pagine 160
Pubblicazione 2021
ISBN 9788833937182
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
14,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
In questo breve saggio Umberto Curi, fra i più apprezzati filosofi italiani, riflette sulla sostanza dei sogni e sull'onirocritica dal punto di vista filosofico e storico-letterario, da Omero a Derrida. L'episodio omerico di Penelope che, sotto mentite spoglie, si rivolge a Ulisse chiedendogli di spiegarle un sogno (Odissea, XVIII libro) può essere considerato il primo esempio di quella disciplina che sarà chiamata onirocritica e che si svilupperà successivamente attraverso alcuni passaggi storici fondamentali (Artemidoro, Aristotele, Cicerone), fino a Sigmund Freud con L'Interpretazione dei sogni (1900). Il volume si sviluppa intorno a due aspetti fondamentali della dimensione onirica. Il primo riguarda la valenza profetica, ovvero il sogno che preannuncia il futuro. Il secondo è il rapporto che il sogno intrattiene con la verità (o nel senso di veicolarla, o nel senso opposto, ma anche complementare, di occultarla o deformarla). Ma secondo l'onirocritica c'è anche un modo differente di rivolgersi ai sogni, ossia scegliere di lasciarli deliberatamente nella loro indeterminazione e ambiguità, riconoscendo in essi non la preannunciazione del futuro, ma lo svelamento del passato. I sogni, dunque, diventano messaggeri della memoria. Un ulteriore approccio, le cui tracce conducono a Walter Benjamin, Theodor Adorno e Jacques Derrida, vede il sogno come qualcosa da sottrarre alla manipolazione insita nell'interpretazione. Secondo l'impostazione adorniana, si tratta di risvegliarsi, coltivare la veglia e la vigilanza, pur restando attenti al senso, avendo cura di ciò che il sogno dà da pensare, soprattutto quando ci offre la possibilità dell'impossibile.
 

Biografia dell'autore

Umberto Curi

Umberto Curi è professore emerito di Storia della filosofia presso l’Università di Padova e docente presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano. Tra i suoi libri più recenti: Miti d’amore. Filosofia dell’eros (2009), Straniero (2010) e Passione (2013). Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato «Pólemos». Filosofia come guerra (2000), La forza dello sguardo (2004), Meglio non essere nati. La condizione umana tra Eschilo e Nietzsche (2008, premio Capalbio per la filosofia) e Via di qua. Imparare a morire (2011).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.