Il tuo browser non supporta JavaScript!

Bollati Boringhieri: Nuova Cultura - Introduzioni

Lettere d'amore

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 166

Albert Einstein conosce Mileva Maric nel 1896, al Politecnico di Zurigo, dove entrambi studiano fisica
13,00

Einstein forever

di Gabriella Greison

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 208

La sua immagine è dappertutto
15,00

Ancora dodici chilometri. Migranti in fuga sulla rotta alpina

di Maurizio Pagliassotti

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 218

I giornali la chiamano «la rotta alpina», anche se ne parlano solo in occasione di qualche fatto straordinario: il ritrovament
16,00

Il colore dell'inferno. La pena tra vendetta e giustizia

di Umberto Curi

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 221

«Dove mai avrà termine, dove mai placata cesserà la furia di Ate?» L'interrogativo angoscioso di Eschilo non smette di risuona
16,00

Storia e pratica del silenzio

di Remo Bassetti

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 298

Una storia del silenzio probabilmente non si può urlare (non sarebbe coerente), ma si può forse leggere, con quell'attitudine
16,00

La poesia del vivente. Leopardi con noi

di Antonio Prete

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 192

Leopardi ci è familiare, molto più di altri classici del canone letterario
17,00

Brevi lezioni sul linguaggio

di Federico Faloppa

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 221

Secondo alcune fonti, nel mondo ci sarebbero oltre settemila lingue vive
16,00

L'anima. Sette lettere a un'amica

di François Cheng

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 135

Dalla primavera all'autunno: nella magnificenza delle stagioni più rigogliose Francois Cheng scrive queste sette lettere che m
15,00

Darwin, Napoleone e il samaritano. Una filosofia della storia

di Michel Serres

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 203

Pochissimi azzardano oggi una filosofia della storia
16,00

Storia del dove. Alla ricerca dei confini del mondo

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 146

Da quando l'uomo ha iniziato a misurare lo spazio intorno a sé non ha mai finito di stupirsi
14,00

Crisi e fine dell'Europa?

di Étienne Balibar

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 334

"La crisi consiste nel fatto che il vecchio muore e il nuovo non può nascere: in questo interregno si verificano i fenomeni mo
17,00

La frase urbana

di Jean-Christophe Bailly

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 237

Pietre, muri, asfalti, monumenti, parchi, terreni abbandonati, centri e periferie, verde spontaneo, antico splendore imbellettato e ridotto a bene di consumo culturale, modernismo dispiegato, aree pedonali, zonizzazione, espansione per accumulo: tutti insieme concorrono all'effetto-città. Effetto essenzialmente linguistico, secondo Jean-Christophe Bailly, che grazie alla metafora della lingua - alla musicalità che dovrebbe ritmarla - arriva a cogliere lo specifico del paesaggio urbano e metropolitano meglio di un urbanista o di uno storico dell'architettura. Ma come parlano oggi le città a chi voglia intenderle davvero? Non con un fraseggio fluido e ben accordato, bensì con "parole fiacche e improprie", "verbi non coniugati", infiniti e sostantivi posti "gli uni accanto agli altri". Una dizione ancora alla ricerca della partitura che accolga la felice improvvisazione dei recitativi in prosa capaci di recuperare la centralità della strada, invece di farsi ingombrare dagli assoli declamatori delle grandi opere architettoniche prive di contesto. Senza indulgere alla retorica dell'erranza e della nostalgia, Bailly ci invita ad accompagnarlo mentre calca i selciati in tre continenti, indugia sui materiali più umili e su ciò che è in disuso, ridà senso agli spazi che fuoriescono da schemi funzionali predisposti. Solo nella combinatoria infinita dei nostri passi, ci suggerisce, le città tornano a esprimersi, connettendo tra loro parti prima ammutolite nell'isolamento.
16,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.