Il tuo browser non supporta JavaScript!

Città Nuova: Teologia

Sulla soglia tra filosofia e teologia. In dialogo con Klaus Hemmerle

editore: Città Nuova

pagine: 167

Partendo da un'affermazione di Klaus Hemmerle, secondo cui teologia e filosofia non sono veramente tali se non si implicano a
22,00

Sul luogo dell'ecclesiologia. Questioni epistemologiche

di Alessandro Clemenzia

editore: Città Nuova

pagine: 221

Per offrire una riflessione ecclesiologica attraverso un procedimento concettuale logico e rigoroso è necessario ricorrere ad
19,00

Levinas e la curvatura dello spazio intersoggettivo

di Antonio Bergamo

editore: Città Nuova

Il presente volume esplora l'originale e innovativo pensiero di Emmanuel Lévinas avendo come filo conduttore la sua "metafora
19,00

Pensare dall'unità. Franz Rosenzweig e Klaus Hemmerle

editore: Città Nuova

pagine: 403

Il libro s'inoltra con rigore e passione nella sfida ardua di un nuovo pensare esplorando teoreticamente l'esperienza umana e
38,00

Identità reciprocanti. Figure e ritmica di antropologia trinitaria

di Antonio Bergamo

editore: Città Nuova

pagine: 496

La relazione come luogo per la comprensione della soggettività umana
38,00

Il Concilio della misericordia. Sui sentieri del Vaticano II

di Coda Piero

editore: Città Nuova

pagine: 408

In questo particolare contesto storico, il volume, diventa un'occasione utile per verificare se e fino a che punto la Chiesa c
38,00

La kenosi dello spirito santo. Un percorso nella teologia del Novecento

di Pasquale Bua

editore: Città Nuova

pagine: 736

La genesi e gli sviluppi del dibattito teologico, sul tema, nella teologia del XX secolo. Il termine kenosi - svuotamento - viene generalmente associato in teologia alla Seconda Persona della Trinità, il Figlio, che nell'incarnazione ha "svuotato se stesso" (Fil 2,7) della sua natura divina. Bulgakov è stato il primo ad aver applicato tale categoria allo Spirito Santo dando così inizio ad un riflessione originale e feconda per la comprensione dei rapporti intra-trinitari che attraversa tutta la teologia del XX secolo. Bua ripercorre la genesi e gli sviluppi di tale dibattito, cominciando dalla Russia ortodossa di Bulgakov per approdare all'America metodista di Dabney, attraverso la Francia della diaspora russa, dove dagli anni Venti ripara proprio Bulgakov, seguito da Lossky, la Svizzera tedesca di Balthasar, la Germania cattolica di Mühlen e quella riformata di Moltmann, cioè quella Mitteleuropa che e stata soprattutto nel "secolo breve" il fecondo "laboratorio" di una teologia "nuova".
50,00

«Li amò fino alla fine». Il nulla-tutto dell'amore tra filosofia, mistica e teologia

di Stefano Mazzer

editore: Città Nuova

pagine: 768

Dalla filosofia alla teologia alla mistica, un'indagine sull'intrinseca dimensione dell'amore smisurato di Dio. Il volume approfondisce il tema del non dell'amore di Dio, inteso come Agápe che sulla croce trova la sua più alta manifestazione e si offre alla libera accoglienza dell'uomo. Nella prima parte dopo una panoramica storica si approfondiscono il pensiero filosofico di Parmenide, Platone e Aristotele e dell'idealismo tedesco (Fichte, Hegel, Schelling). Segue la storia della spiritualità e della mistica cristiana con Francesco d'Assisi, Angela da Foligno e Giovanni della Croce da una parte segno dell'irrompere del Crocifisso nella forma del nada dell'anima -, e Teresa di Lisieux, Edith Stein e Chiara Lubich dall'altra - apertura a una nuova comprensione del non dell'amore in chiave intersoggettiva. Per finire con la teologia di Agostino d'Ippona, Tommaso d'Aquino e Lutero. Nella Seconda parte della ricerca, si apre la riflessione su alcune prospettive sistematiche che la teologia può percorrere con frutto offrendo nuovi, stimolanti spunti di riflessione.
48,00

Figure, luoghi e casi della teologia. Vivificazione trinitaria e impegno pastorale

di Stefano Belardinelli

editore: Città Nuova

pagine: 352

La letteratura, la poesia, la pittura, la musica... i luoghi per parlare di Dio all'uomo contemporaneo. La teologia è animata da sempre dalla continua tensione tra il "dire Dio" e la sua "indicibilità". Da tale presupposto scaturisce l'interrogativo che è all'origine del presente studio: dove attingere nuovi argomenti, fatti, esperienze umane, nei quali maturare la viva esperienza del divino? Belardinelli individua in particolari forme espressive, come la letteratura, la poesia, la pittura o la musica, il luogo di originali stimoli di riflessione, cogliendo in ciò opportune occasioni di "rilancio" della teologia, occasioni per parlare di Dio all'uomo contemporaneo, senza tradire il nucleo fondamentale della Verità. "La Parola viene così calata nel cuore della contemporaneità attraverso parole e concetti che le sono propri, in una nuova forma linguistica di prossimità evangelica: un 'dire Dio' capace di scrutare tra le pieghe della vita e scorgervi - non importa quanto tenui bagliori di quella Parola, affievolita tra i rumori di un mondo frammentato in molteplici luoghi" (dall'Introduzione)
30,00

Il divenire della creazione. In dialogo con Karl Rahner e Jurgen Moltmann

editore: Città Nuova

pagine: 298

Una riflessione sui temi della creazione e dell'evoluzione
26,00

Il logos teandrico. La «cristologia asimmetrica» nella teologia bizantino-ortodossa

di Piergiuseppe Bernardi

editore: Città Nuova

pagine: 464

Tra alcuni esponenti della teologia cattolica (Grillmeier e Moeller) e della teologia ortodossa (Florovskij e Meyendorff) si è sviluppato negli anni un vivace dibattito in merito alla diversa prospettiva nei due contesti ecclesiali sul costituirsi di Cristo come "vero Dio e vero uomo". Secondo la teologia cattolica, nel pensare il rapporto tra natura divina e natura umana in Cristo, l'Oriente tenderebbe a rimarcare il ruolo della prima a discapito della seconda. Bernardi analizza l'insorgere dell'asimmetria cristologica nella patristica greca e latina, prendendo quindi in esame il profilarsi della sua declinazione nella teologia bizantina e la recezione di essa nella recente cristologia ortodossa.
40,00

Sulla libertà. Prospettive di teologia trinitaria tra neuroscienze e filosofia

di Leonardo Paris

editore: Città Nuova

pagine: 408

Tema affascinante e sempre attuale quello della libertà. Su tale argomento Paris intende confrontare la visione naturalistica delle neuroscienze e quella della teologia trinitaria. Il presupposto è che sia possibile una convivenza fra discipline scientifiche diverse, che insieme concorrono a formare il mondo e l'orizzonte di senso degli uomini oggi. Su tale base, Paris legge il contributo di due teologi, H.U. von Balthasar e E. Jüngel, affiancati da H. Jonas e L. Pareyson, scelti per il contributo filosofico alla riflessione sulla libertà; le loro voci vengono intrecciate e confronte con quelle del biologo Gerald Edelman e del neuropsicologo sovietico Aleksandr Lurija.
38,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.