Il tuo browser non supporta JavaScript!

Eraclidi-Supplici. Testo greco a fronte

Eraclidi-Supplici. Testo greco a fronte
titolo Eraclidi-Supplici. Testo greco a fronte
autore
traduttore
argomento Letteratura e Arte Classici
collana I grandi libri
editore Garzanti
formato Libro
pagine 193
pubblicazione 2019
ISBN 9788811607762
 

Scegli la libreria

10,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Negli "Eraclidi" (430-427 a.C.) i figli di Eracle perseguitati da Euristeo, tiranno di Argo, si rifugiano a Maratona, invocando la protezione delle leggi di Atene. Il tema di fondo della tragedia è la lotta dei giusti contro i prepotenti pronti a violare con la forza il diritto (il diritto di asilo, il diritto a vivere in pace e sicurezza), e più in generale il conflitto tra legalità e umanità da un lato, e ferocia e disumanità dall'altro. Un conflitto che dilania gli stessi protagonisti: Alcmena, la madre di Ercole, invoca la morte di Euristeo trasformandosi in punitrice ancor più spietata del suo persecutore, mentre Euristeo, feroce oppressore, davanti alla morte reclama per sé quei diritti che ha sempre disprezzato. L'encomio di Atene come soccorritrice dei deboli e dei perseguitati risuona anche nelle "Supplici" (424 o 421 a.C.), in cui le madri dei capi argivi uccisi nell'assalto contro Tebe implorano l'intervento di Teseo, il sovrano di Atene, per ottenere la restituzione delle salme dei caduti e dare loro una pia sepoltura. Riecheggiano nella tragedia i dibattiti su democrazia e tirannide del tempo di Pericle, cui dà voce proprio il personaggio di Teseo, alfiere della libertà contro il dispotismo e interprete delle istanze di Euripide. Note di Fulvio Barberis.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.