Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Riflessioni sulla violenza

Riflessioni sulla violenza
Titolo Riflessioni sulla violenza
Autore
Curatori ,
Traduttore
Argomento Diritto, Economia e Politica Politica
Collana I timoni
Editore Castelvecchi
Formato
libro Libro
Pagine 344
Pubblicazione 2024
ISBN 9791256140411
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
30,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Amate da Gramsci, applaudite da Mussolini, sempre al centro di grandi equivoci e interpretazioni divergenti, le Riflessioni sulla violenza sono il capolavoro di Georges Sorel, pensatore eccentrico, irriducibile, e tuttavia influentissimo, che in una vita ricca di deviazioni ebbe l'unica coerenza di abbattersi come grandine sull'opinione comune. Un'opera capitale, spregiudicata e sconvolgente, che denuncia l'insorgere di un'inedita alleanza tra la borghesia - classe «vile» e «idiota» quanto la nobiltà settecentesca - e il socialismo «abusivo» dei partiti ufficiali. Il vero socialista non è colui che accetta il compromesso capitalista e addormenta il conflitto sociale, bensì chi cerca la catastrofe: la distruzione dello Stato nello sciopero generale, per ristabilire «costumi di libertà» che la borghesia non conosce più. La violenza è per Sorel l'ineludibile atto di guerra che alimenta la speranza di una nuova era socialista, il solo farmaco in grado di curare insieme i mali della borghesia e del proletariato. Antidemocratico, rivoluzionario, disperato: quello di Sorel è un grido per il rovesciamento della società capitalista, che oggi, in tempi bui per la democrazia, risuona ancora più forte, inquietante, profetico.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.