Il tuo browser non supporta JavaScript!

L'«Omnibus» di Leo Longanesi. Politica e cultura (aprile 1937-gennaio 1939)

L'«Omnibus» di Leo Longanesi. Politica e cultura (aprile 1937-gennaio 1939)
titolo L'«Omnibus» di Leo Longanesi. Politica e cultura (aprile 1937-gennaio 1939)
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana Studi e ricerche di storia dell'editoria, 66
Editore Franco Angeli
Formato Libro
Pagine 288
Pubblicazione 2016
ISBN 9788891727428
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
32,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Il settimanale "Omnibus", uscito nell'aprile 1937 e diretto da Leo Longanesi, segnò una tappa nel giornalismo. Ispirato a modelli internazionali, esso viene ritenuto, per l'importanza data alla fotografia, il prototipo del rotocalco moderno che avrebbe trovato la propria consacrazione negli anni successivi alla fine della seconda guerra mondiale. Oltre a contribuire a sprovincializzare, sotto certi punti di vista, la stampa, "Omnibus" si distinse, negli anni del regime fascista, per originalità, vitalità, spregiudicatezza e anticonformismo. Queste peculiarità gli procurarono tuttavia, nonostante la fede mussoliniana di Longanesi, l'ostilità di una parte del mondo fascista, finché il duce, nel gennaio 1939, decise la soppressione della rivista. L'atteggiamento del settimanale e la sua sbrigativa fine hanno contribuito a collocare "Omnibus" nell'ambito della cosiddetta "fronda" fascista, la corrente schierata su posizioni critiche, e addirittura a far ritenere che in esso ci sia stato spazio anche per lo sviluppo dell'antifascismo. Ad anni di distanza una rilettura critica di "Omnibus" consente di verificare, senza pregiudizi, la veridicità delle tesi in merito all'atteggiamento assunto nei confronti della fronda e dell'antifascismo e di definire meglio la posizione della rivista verso il regime.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.