Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Tintin in Tibet. Un esercizio di semiotica del fumetto

Tintin in Tibet. Un esercizio di semiotica del fumetto
titolo Tintin in Tibet. Un esercizio di semiotica del fumetto
Autore
Argomento Letteratura e Arte Letteratura e Linguistica
Collana Biblioteca/semiotica
Editore Meltemi
Formato
libro Libro
Pagine 250
Pubblicazione 2023
ISBN 9788855198219
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Le avventure di Tintin in Tibet raccontano di come il giovane reporter sia riuscito a salvare Ciang, questa volta tenuto prigioniero dal terribile Yeti tra le montagne dell'Himalaya. Non si tratta, però, solo di una storia di salvataggio, ma anche del confronto tra due modi di vedere le cose, di stare al mondo e di interpretarlo, esemplificati da Tintin e dal Capitano Haddock. Il volume di Jean-Marie Floch offre una lettura continua dell'album. Dopo aver riconosciuto l'economia generale del racconto, mostra che è proprio il confronto tra le due differenti visioni che permette di apprezzare il senso e il valore di molti dettagli o episodi apparentemente gratuiti o inutili, che sembrano essere lì solo per preparare una gag o per istruire il lettore su terre lontane. Per esempio, lo scalo a Nuova Delhi è solo un episodio turistico? E perché Tintin si ritrova un pezzo di frutta marcia sulla faccia mentre attraversa una foresta? Tintin in Tibet risponde a questi e altri interrogativi, servendosi della semiotica per stabilire una figuratività profonda in grado di garantire l'omogeneità del discorso e di creare quelle condizioni di ponte tra testo e immagine che fanno del fumetto una delle maggiori forme di semiotica sincretica.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.