Il tuo browser non supporta JavaScript!

Settimo non rubare. Furto e mercato nella storia dell'Occidente

Settimo non rubare. Furto e mercato nella storia dell'Occidente
titolo Settimo non rubare. Furto e mercato nella storia dell'Occidente
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana Collezione di testi e di studi
Editore Il mulino
Formato Libro
Pagine 396
Pubblicazione 2009
ISBN 9788815130747
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
29,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Insieme ai precedenti lavori dedicati al giuramento politico e alla giustizia, questo volume porta a termine un'imponente opera d'interpretazione con cui Prodi ha indagato e messo in luce alcuni tratti costitutivi profondi della civiltà europea, ossia le strutture mentali, sociali, economiche e giuridiche che hanno consentito l'ingresso della società europea nella modernità. Queste pagine mostrano come a partire dal medioevo il mercato si sia affermato in quanto soggetto autonomo, luogo indipendente di determinazione del valore dei beni. Con il mercato mutano i concetti di ricchezza e di proprietà e anche il concetto di furto, inteso come violazione del "giusto prezzo" e delle regole del mercato. La formazione di un potere economico distinto da quello politico, e con questo in continua dialettica, è stato ciò che ha permesso non solo la nascita della civiltà industriale ma anche la nascita delle libertà costituzionali e dei diritti. Ripercorrendo una vicenda millenaria, "Settimo non rubare" finisce per interrogarsi sulla crisi in cui questa civiltà pare irreversibilmente entrata oggi.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.