Il tuo browser non supporta JavaScript!

Meglio non essere nati. La condizione umana tra Eschilo e Nietzsche

Meglio non essere nati. La condizione umana tra Eschilo e Nietzsche
titolo Meglio non essere nati. La condizione umana tra Eschilo e Nietzsche
autore
argomenti Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Adozioni Corsi di Teologia
collana Nuova Cultura - Introduzioni
editore Bollati Boringhieri
formato Libro
pagine 292
pubblicazione 2008
ISBN 9788833918402
 

Scegli la libreria

20,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
A re Mida che gli chiede quale sia la cosa più desiderabile per l'uomo, Sileno risponde: "Non essere nato, non essere, essere niente". Diverse versioni della sentenza, dette da altri personaggi, riecheggiano in fonti diverse, da Erodoto ai grandi tragici a Plutarco, ma nessuna è riducibile alla dichiarazione di pessimismo metafisico. Anzi, per Umberto Curi parlare di pessimismo è fuorviante, se non consolatorio. La densità tutt'altro che univoca dell'apologo e rilevata già da Nietzsche, che lo colloca all'inizio della "Nascita della tragedia" e ne rovescia la valenza corrente in quel dire sì alla vita in ogni sua manifestazione, compreso il dolore, che costituisce il cuore del sentimento tragico. Una densità che si intensifica e si incupisce quando dall'orizzonte senza Dio dei greci si passa alle denunce bibliche della miseria umana, al cospetto della potenza divina: l'imprecazione di Geremia ("maledetto il giorno in cui nacqui; il giorno in cui mia madre mi diede alla luce non sia mai benedetto"), la certezza della nullità dell'esistenza nel Qohelet e la contesa angosciosa di Giobbe con il Signore rimandano alla verità paradossale della fede, alla figura cristologica di Abramo riletto da san Paolo, Kierkegaard e Simone Weil. Nelle sue diramazioni e riformulazioni il motto di Sileno esprime, più che negatività dell'esistere, l'inattingibilità di un sapere positivamente definito sull'esistenza, e continua a interpellare il logos discorsivo della filosofia e le forme del pensiero religioso.
 

Biografia dell'autore

Umberto Curi

Umberto Curi è professore emerito di Storia della filosofia presso l’Università di Padova e docente presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano. Tra i suoi libri più recenti: Miti d’amore. Filosofia dell’eros (2009), Straniero (2010) e Passione (2013). Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato «Pólemos». Filosofia come guerra (2000), La forza dello sguardo (2004), Meglio non essere nati. La condizione umana tra Eschilo e Nietzsche (2008, premio Capalbio per la filosofia) e Via di qua. Imparare a morire (2011).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.