Il tuo browser non supporta JavaScript!

Vita e pensiero: Università/Storia/Ricerche

Nel rispetto dei reciproci ruoli

Lineamenti di storia della contrattazione collettiva in Italia

di Marianna De Luca

editore: Vita e pensiero

pagine: 344

«Nel rispetto dei reciproci ruoli e responsabilità » è un’affermazione che compare con diverse formulazioni in numerosi testi negoziali, con la quale i rappresentanti dei lavoratori e quelli delle imprese si dichiarano reciproco rispetto per il diverso ruolo svolto. Tale reciprocità dovrebbe costituire un valore fondamentale per le relazioni industriali, eppure nella vicenda italiana non sempre è stato così: la dignità e il valore di ciò che l’altra parte rappresenta è stato messo più volte in discussione non solo attraverso l’esercizio di un antagonismo oppositivo e frontale, ma ha assunto anche la forma della degenerazione collusiva tra gli attori; e non sono mancati neppure episodi di violenza, fisica e morale. Gli scambi, insomma, tra le parti non sono stati sempre civili. Ci sono stati in verità anche periodi di positiva collaborazione; e si è tentato a più riprese di definire un quadro di regole che, conferendo consistenza e stabilità al sistema, consentisse di affrontare nel merito i problemi, ma non si è mai pervenuti ad una soluzione soddisfacente. Il volume ripercorre queste vicende utilizzando come filo conduttore l’evoluzione della rappresentanza dei lavoratori e della contrattazione collettiva in azienda. Ne risulta un quadro niente affatto lineare, dal quale emergono somiglianze tra situazioni del passato e la più estrema attualità. Nel ricostruire questo percorso non è stata privilegiata la prospettiva degli attori ma, come è reso evidente dal ricco apparato di documentazione, si è seguito il tracciato dei contratti e degli accordi collettivi che delle relazioni tra le parti possono considerarsi in qualche misura il ‘prodotto’: «strumento e non risultato fine a se stesso, ovviamente, poiché le relazioni industriali hanno a cuore i comportamenti, l’effettività, la soluzione dei problemi, e non si soddisfano della sola forma»
28,00

La vita fragile

Infanzia, disagi e assistenza nella Milano del lungo Ottocento

editore: Vita e pensiero

pagine: 270

La città di Milano, come descritta in un noto volume di Leone Emilio Rossi, contava all’inizio del XX secolo 500 luoghi pii, istituti assistenziali, enti ospedalieri, brefotrofi e istituzioni benefiche di vario genere: strutture differenti che, a partire dalla seconda metà del XVIII secolo, subirono cambiamenti e rinnovamenti verso un sempre maggiore controllo statale. Questo volume raccoglie gli atti di uno dei numerosi convegni dedicati all’assistenza, che si è svolto a Milano pochi anni or sono. La tematica attorno alla quale gli autori hanno concentrato i loro studi è quella particolare dell’assistenza all’infanzia nel corso del lungo Ottocento. Alcuni contributi hanno fornito uno sguardo di ampie vedute alla situazione italiana, per poi concentrare l’attenzione al contesto milanese, con approfondimenti legati ai molteplici aspetti della vita di Martinitt e Stelline. Il motivo conduttore dei saggi qui presenti è la condizione infantile e le forme dell’assistenza ad essa dedicate; con lo studio di brefotrofi, asili di carità per l’infanzia, istituti per il baliatico, sino agli enti che, oltre all’assistenza, intesero fornire agli orfani e alle orfane anche mezzi e strumenti per una formazione professionale in grado di garantire loro una vita migliore, una sorta di riscatto sociale.
25,00

Diodoro Siculo

Biblioteca storica. Libro XVII. Commento storico

di Luisa Prandi

editore: Vita e pensiero

pagine: 304

Questo volume è uno dei risultati del progetto di ricerca «Commento storico alla Biblioteca di Diodoro», ideato da gruppi di ricerca attivi nel campo della storia antica appartenenti alle Università di Bologna, di Milano (Università Cattolica del Sacro Cuore), di Pavia e di Firenze e cofinanziato dal MIUR. Il progetto prevede di completare il commento complessivo della Biblioteca, compresi i libri frammentari, nel corso di alcuni anni. Benché lo storico-epitomatore siciliano abbia raccolto nella critica moderna il peggio, dal sarcasmo all’insulto, che si possa dire di uno storico e benché sia certo che egli non ha fatto molto per evitarlo, i suoi libri meritano ancora largamente di essere letti e studiati: ciò vale per i periodi storici per i quali Diodoro è di fatto la nostra unica fonte, ma anche per quelli meglio conosciuti, a proposito dei quali ci ha conservato preziose informazioni sia integrative sia alternative. L’appoggio di un commento che finora – con qualche eccezione notevole – è mancato costituisce uno strumento imprescindibile.
25,00

Città e pensiero politico italiano dal Risorgimento alla Repubblica

di Robertino Ghiringhelli

editore: Vita e pensiero

pagine: 256

I contributi degli storici del pensiero politico, presentati al Convegno tenutosi nell’Università Cattolica di Milano tra il 16 e il 18 febbraio 2006 e qui raccolti, ricostruiscono, attraverso ricerche specifiche, il ruolo centrale delle città nella storia delle dottrine concernenti l’interazione sociale e politica nell’Italia risorgimentale e post-unitaria. Questa centralità si identifica e si riassume nella definizione della ‘città’ come laboratorio politico e luogo privilegiato per lo svolgersi delle idee sul ‘come stare insieme’ degli uomini.
35,00

Le carte e gli uomini

Storia della cultura e delle istituzioni (secoli XVIII-XX)

editore: Vita e pensiero

pagine: 288

DALLA PRESENTAZIONE Questo volume raccoglie saggi di studiosi in vario modo legati, sia sul piano scientifico sia personale, a Nicola Raponi. Sono qui infatti editi contributi preparati in occasione di una giornata di studio che l’interessato non ha voluto fosse organizzata ‘in onore di’, ma semplicemente per i suoi settant’anni, peraltro portati in modo invidiabilmente giovanile. L’opera scientifica di Nicola Raponi è stata intensa, profonda, continuata, come attestano i molti titoli riportati nella Bibliografia. Oltre che nella sua università e negli altri atenei milanesi, egli è noto e stimato nella comunità scientifica italiana, soprattutto tra gli studiosi di storia moderna e contemporanea, in Francia e altrove. È anche molto apprezzato da persone e istituzioni che si sono avvalse della sua opera, come le congregazioni religiose della cui storia si è largamente occupato e le università e gli enti locali delle Marche, con cui egli ha sempre mantenuto stretti legami, sia per motivi affettivi, sia perché una delle sue prime sedi universitarie è stata proprio l’allora nascente Facoltà di Lettere maceratese. Tuttavia credo che abbia fatto bene chi, qualche tempo fa, ha preso l’iniziativa di questa giornata di studio. La ricchezza e la varietà dei saggi qui pubblicati sono, infatti, indicative della molteplicità e della qualità degli interessi che egli ha saputo sviluppare personalmente o suscitare intorno a sé: è solo uno degli aspetti della sua personalità accademica e scientifica che meriterebbero di essere meglio conosciuti. Come evidenzia il suo percorso biografico e scientifico, Raponi conosce bene il mondo delle carte, cui allude il titolo di questo volume. Ha operato, infatti, a lungo nel campo degli archivi, divenendo esperto delle loro regole e dei loro problemi, assumendosi la responsabilità che la conservazione dei documenti comporta e divenendo custode del rigore che la loro interpretazione esige. Ma, come recita una famosa frase di Henri Pirenne, lo storico non è un archeologo, egli ama la vita. Ogni archivio è un mondo, riflette l’esistenza e lo spirito di uomini e donne, come Fogazzaro, Bonomelli, van Ortroy, Tommaso Gallarati Scotti, nel cui universo Raponi è entrato con grande finezza. E anche ogni documento ci mette in comunicazione con uno squarcio di vita: persino in commemorazioni ufficiali o in austere recensioni, egli è in grado di cogliere la forza contenuta delle passioni o la punta acuminata dell’ironia. Raponi penetra in profondità nei personaggi che avvicina. Non ama, però, le biografie: non ha mai scritto, per esempio, una biografia di Agostino Gemelli, benché sia lo studioso che meglio ha compreso la figura del fondatore dell’Università Cattolica. Su di lui ha scritto pagine illuminanti, come nel caso della voce curata per il Dizionario biografico degli italiani, e, in molte occasioni, è tornato a parlare in modo convincente della figura e dell’opera di quello che – come Mario Enrico Viora amava ricordare a Francesco Vito – alungo è rimasto per molti l’unico vero Magnifico Rettore della Cattolica. In particolare, Raponi ha colto in profondità il rapporto tra Gemelli e la sua creatura, che è diventata nel tempo la stessa ragione di vita del suo fondatore. Ma egli non ne ha mai scritto una biografia, malgrado le affettuose insistenze di chi gli stava vicino. Credo che il motivo di questa scelta risieda soprattutto nella perplessità suscitata in lui da un genere letterario che pretende giudizi completi e perentori. Non si tratta di timidezza davanti a un impegno troppo esigente. Piuttosto, mi pare che Raponi cerchi di resistere a ‘gabbie’ e schemi che impongono forzature e semplificazioni: la vita di cui, come ogni storico, è alla ricerca, non si esprime attraverso una coerenza esteriore di pensieri e di comportamenti, ma piuttosto in momenti e scelte, anche separati gli uni dagli altri, in cui l’animo umano forza i suoi limiti abituali, comunicandosi agli altri in modo inatteso. Il rapporto con l’oggetto dei suoi studi appare in Raponi caratterizzato, per usare parole sue, da «un’interiore partecipazione d’animo». Nei suoi scritti, non si trovano tesi imposte forzatamente o inutili esercizi accademici, non compaiono né pregiudiziali ideologiche né forme di erudizione fine a se stessa. Mi pare invece che risponda al vero parlare di partecipazione spirituale per indicare l’interesse e il rispetto, l’attenzione e la discrezione con cui egli avvicina persone, situazioni, vicende. Attenzione all’interiorità della storia non significa però astratto spiritualismo: egli ha saputo spesso descrivere con efficacia la trasformazione, nelle figure da lui studiate, delle energie morali in un senso di responsabilità civile, prima ancora che in forme di impegno sociale o politico. Si avverte qui la consonanza con Ettore Passerin d’Entrèves, nel quale Raponi riconosce un suo maestro, cui ha dedicato molti saggi e dei cui scritti su La formazione dello stato unitario ha curato la pubblicazione. Non si tratta solo di un’evidente comunanza di interessi per lo studio del cattolicesimo liberale. Affinità più profonde emergono nel modo di accostarsi a questo argomento, affrontato non come ideal-typus ma come insieme di atteggiamenti mentali e di orientamenti pratici. Anche molti altri si sono riconosciuti nell’eredità di Ettore Passerin d’Entrèves, ma forse nessuno come Raponi ne ha saputo riprendere e sviluppare il tema delle radici interiori della libertà, che non si esprimono necessariamente o esclusivamente in formulazioni ideologiche o in posizioni politiche. Si constatano nei suoi scritti i molteplici effetti (involontariamente) liberatori della critica crociana al cattolicesimo-liberale come definizione filosofica o categoria politica. Proprio perché la libertà ha radici interiori, si tratta di un’ansia che può esprimersi ovunque e in forme inaspettate, anche al di fuori delle idee e dagli uomini che si autodefiniscono ‘liberali’. Indubbiamente Raponi non ama dedicare la sua attenzione ai primi attori o a ribalte inondate di luci accecanti. Ma non si può dire che i suoi interessi riguardino la storia minore. Dai cambiamenti culturali e religiosi d’inizio Novecento ai riflessi italiani della Rivoluzione francese, la sua vasta produzione scientifica ha incrociato i grandi eventi della storia europea. Per esempio, è grazie all’amicizia con l’insigne storico della cultura e dell’arte Edouard Pommier che egli si è dedicato negli anni più recenti ai problemi del patrimonio storico artistico ‘originario’ disperso nell’età rivoluzionaria. Egli, però, non ama guardare a tali eventi attraverso le espressioni più clamorose o i momenti più tumultuosi: preferisce frequentare luoghi più tranquilli e passaggi meno concitati. Non è un modo per restare alla periferia degli eventi, ma piuttosto una strada per scendere in profondità. Studioso del Risorgimento italiano tra i più apprezzati, sin dagli inizi ha dedicato la sua attenzione alle vicende degli Stati preunitari e ai problemi della formazione dello Stato nazionale: è anche questo un modo per risalire alle origini, capire le premesse, ricostruire il contesto di ciò che è ormai noto ed evidente. Quest’attitudine, spirituale prima ancora che scientifica, ispira Raponi anche nel suo approccio alla storia delle istituzioni. Su questo terreno, egli non appare incline a indagare i meccanismi anonimi dell’ingegneria costituzionale, ma è piuttosto interessato al ruolo svolto da persone, forze politiche, correnti di opinione pubblica. Un esempio significativo in questo senso è rappresentato dalla sua capacità di leggere i dibattiti parlamentari, muovendosi con competenza e familiarità all’interno delle forme imposte dalla logica istituzionale, sempre però attento a cogliere ciò che è prima, più al fondo e oltre. Diverso, ma analogo, è il suo approccio alla storia della Chiesa e del cattolicesimo moderno e contemporaneo. Grande spazio egli ha dedicato, non a caso, alla storia della spiritualità, con riferimento alle Congregazioni religiose o al rapporto con la cultura. A lui si devono significative indagini e ricerche sul terreno dell’ecumenismo, anche questo non lontano dagli intrecci tra spiritualità e cultura. Com’è noto, Raponi ha dedicato molta attenzione a un’istituzione particolare, quell’Università Cattolica del Sacro Cuore in cui ha studiato e insegnato per tanti anni. Ne ha vissuto dall’interno molte vicende, con vari protagonisti ha intrattenuto rapporti personali. Con «partecipazione interiore», ma anche con esplorazioni archivistiche e curiosità da studioso, Raponi non ha mai smesso di interrogarsi sulla storia e sulla natura di questa realtà così peculiare nel mondo culturale e nel cattolicesimo italiano. Ne ha indagato le origini, più complesse di quel che si pensa, facendo emergere spinte diverse, provenienti sia dal campo dell’intransigentismo cattolico sia da quello del conciliatorismo. Ha fatto uscire dall’ombra le varie correnti spirituali che l’hanno animata e dedicato attenzione alla complessa opera formativa che ha accompagnato il più specifico compito di trasmissione del sapere. In questo modo, ha messo a fuoco l’autonoma fisionomia assunta nel tempo da tale istituzione, al di là dei progetti e dell’azione, pur molto rilevanti, del suo fondatore. Ha indagato le varie scuole scientifiche e accademiche che si sono formate al suo interno e il ruolo assunto dall’Università Cattolica nella società italiana, sottolineando con originalità che tale ruolo non è stato anzitutto politico, come spesso si è detto, ma principalmente culturale e formativo. Per Raponi, l’Università Cattolica non è riducibile a una persona – per quanto importante, come padre Gemelli –, o a un obiettivo – per quanto rilevante, come la formazione di una nuova classe dirigente. Critici e apologeti hanno spesso parlato di questo Ateneo in modo schematico, cercando di imprigionare in una formula o di appiattire in un giudizio univoco una realtà vasta e complessa. Egli, invece, fa opera di storia, descrivendo e non definendo, facendo emergere progetti e individuando continuità, senza però dimenticare che si tratta di vicende a più voci, con molteplici protagonisti, segnate anche da inevitabili discontinuità. Per Raponi l’Università Cattolica è anzitutto uno spazio umano e culturale, un ambito dove – come voleva Padre Gemelli, ma andando al di là del suo fondatore – professori e studenti hanno lavorato insieme, a stretto contatto, formando una comunità scientifica ed educativa di ricerca e formazione. Attraverso i suoi studi, egli ne ha messo a fuoco un’identità spesso ignorata o dimenticata da chi lavora al suo interno, ma che pure costituisce l’anima profonda di questa istituzione, ispirando comportamenti e scelte al di là della consapevolezza dei singoli, suggerendo regole e orientamenti che costituiscono un patrimonio prezioso, non sempre adeguatamente rispettato e valorizzato. Su questo terreno emerge con chiarezza il senso impresso da Nicola Raponi al suo lavoro storico, non come astratto atto di culto al passato ma come strumento per il presente, per coniugare fedeltà alla tradizione e adattamento al nuovo, in uno spirito di servizio discreto ma efficace. C’è infine un aspetto che la lettura di questo volume suggerisce implicitamente, ma che merita di essere sottolineato: il rapporto tra Raponi e quanti hanno tratto giovamento dal suo insegnamento. Mi sembrerebbe inadeguato usare l’espressione di ‘scuola’ e forse anche quella di ‘discepoli’ (termini che, come anch’egli ha ricordato citando Ettore Passerin d’Entrèves, hanno sempre qualcosa di retorico), per indicare quanti si sentano legati a lui da un vincolo scientifico e umano al tempo stesso, benché gli Autori di questo volume si riconoscerebbero volentieri in tali definizioni. Raponi, infatti, non ha mai imposto una qualche forma di autoritarismo accademico, né ha preteso omogeneità di studi o, peggio, fedeltà ideologica. In lui hanno sempre prevalso un interesse genuino per molti temi di ricerca, anche se lontani da quelli che egli ha praticato, e un rispetto partecipe per i percorsi altrui di maturazione culturale e storiografica. Nel rapporto con studiosi più giovani, egli rappresenta l’esempio di qualcosa che anche in passato era piuttosto raro e che oggi sta addirittura scomparendo all’interno di un’università italiana in marcia verso una crescente divaricazione tra didattica e ricerca, mentre al suo interno la qualità dell’insegnamento sta diventando sempre più bassa. Forse si tratta di una necessità imposta dai tempi, ma la scomparsa di luoghi di formazione alla ricerca rappresenta una grave perdita che penalizzerà non poco le future generazioni: la scelta di imitare modelli stranieri in questo modo non si sta rivelando felice. In campo storico, la formazione allo studio e alla ricerca non avviene in appositi laboratori ma in ambiti che si formano spontaneamente intorno a qualcuno dotato non solo di cultura e di esperienza, ma anche di gusto di incontrare l’altro. È accaduto nel caso di Nicola Raponi: la presenza di tanti studiosi bravi e sensibili, a lui legati, è in questo senso eloquente. Ho esitato a lungo prima di scrivere queste righe, che mi sono state richieste e sollecitate con affettuosa insistenza. Non sono, infatti, un discepolo di Nicola Raponi in senso accademico e credo che altri avrebbero forse potuto meglio di me parlare dei suoi temi di ricerca e del suo insegnamento. Ho voluto tuttavia offrire queste note, che scaturiscono da una ormai decennale frequentazione e collaborazione, lieto di poter testimoniare in questo modo la mia amicizia nei suoi confronti. Agostino Giovagnoli
30,00

San Luigi Orione: da Tortona al mondo

Atti del Convegno di studi (Tortona, 14-16 marzo 2003)

editore: Vita e pensiero

pagine: 312

Un prete dall’inconfondibile fisionomia umana e cristiana, limpidamente ancorato in una profonda spiritualità e totalmente speso in un insonne attivismo, sostenuto dalla vena pulsante di una grande carità: è questa la figura di don Luigi Orione, il sacerdote torinese proclamato Santo da Giovanni Paolo II. Ripercorrere le tappe del suo cammino, nel contesto dei rapidi e profondi mutamenti culturali della nostra epoca, è impegno di una cultura ritornata alla diaconia. Questo libro pubblica gli Atti del Convegno tenutosi a Tortona dal 14 al 16 marzo 2003. Il taglio privilegia, mediante accurate ricerche in una copiosa messe di fonti archivistiche, la ricostruzione del radicamento e del rapporto di don Orione sia con la realtà locale tortonese sia con la società e la Chiesa italiana e universale. Un’opera che costituisce un contributo attraente, paradigmatico e utile, per l’edificio di un progetto culturale, nel quale è impegnata la Chiesa italiana.
25,00

Il rex sacrorum a Roma e nell'Italia antica

di Edoardo Bianchi

editore: Vita e pensiero

pagine: 256

Il volume è dedicato al rex sacrorum, una figura sacerdotale che, nonostante la sua attestazione letteraria ed epigrafica a Roma e in altre città dell’Italia antica, non è stata finora oggetto di una trattazione sistematica da parte degli storici moderni. La maggior parte dell’analisi verte sul più documentato rex sacrorum di Roma: del sacerdozio si ricostruisce innanzitutto l’origine, avvenuta nel momento del passaggio dall’ordinamento monarchico a quello repubblicano; quindi se ne ripercorre l’evoluzione durante i secoli della repubblica, specialmente nei rapporti con il pontefice massimo, e dell’impero, fino alla sua cancellazione in età cristiana; infine, si offre un quadro complessivo di tutte le cerimonie festive a cui il rex sacrorum partecipava, da solo o insieme al collegio dei pontefici. Altra sezione è invece riservata allo studio delle epigrafi che attestano reges sacrorum nelle città italiche, dalla latina Boville all’etrusca Fiesole, senza peraltro trascurare la figura del rex Nemorensis, qui riletta in chiave politico-istituzionale: il risultato è un’indagine che, superando la tradizionale prospettiva romanocentrica, ricostruisce la varietà di sviluppi a cui andò incontro la regalità antica in area tirrenico-laziale.
25,00

Storie di Atene, storia dei Greci

Studi e ricerche di attidografia

editore: Vita e pensiero

pagine: 354

Gli attidografi, scrittori di storie dell'Attica che, a causa della centralità di Atene nel mondo greco, erano anche storie dei Greci, operavano in contesti di vivace confronto politico, in cui sembra difficile immaginare la redazione di testi di carattere puramente erudito e con tendenza del tutto neutrale su temi politicamente sensibili. Non pare dunque prudente, da un lato, negare la presenza di elementi di carattere ideologico in autori talora impegnati direttamente in politica, come pure è stato fatto; nè, dall'altro, affermare che gli attidografi scrivessero da intellettuali 'organici' e militanti. I contributi qui raccolti si propongono di mettere a fuoco l'apporto di un genere storiografico tanto importante quanto difficile da evidenziare, a causa della conservazione frammentaria di tutte le opere attestate.
25,00

Studi in memoria di Cesare Mozzarelli

Volumi I e II

Autori vari

editore: Vita e pensiero

pagine: 1738

La fioritura del Rinascimento e la genesi di una «forma del vivere» innervata dalla tradizione del classicismo, in simbiosi con l’ethos della cristianità, segnano l’inizio di un percorso che approda, con le sue svolte e le sue discontinuità, fino alla maturazione dei problemi politico-istituzionali e culturali del mondo contemporaneo. L’ampio spettro dei temi e delle epoche storiche abbracciate riflette i contorni poliedrici dello stesso universo di interessi di cui Cesare Mozzarelli (1947-2004) è stato cultore appassionato e originale maestro. Nel segno di una riconoscente memoria, un folto gruppo di colleghi, amici ed allievi ha aderito all’invito formulato dall’Istituto di storia moderna e contemporanea dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, da lui diretto negli ultimi anni della sua intensa attività di studioso e organizzatore di cultura.
85,00

Libro XVIII Diodoro Siculo

Biblioteca storica - Libro XVIII - Commento storico

di Franca Landucci Gattinoni

editore: Vita e pensiero

pagine: 346

Il commento al libro XVIII è uno dei risultati, tra i primi a comparire, del progetto di ricerca «Commento storico alla Biblioteca di Diodoro», ideato da gruppi di ricerca attivi nel campo della storia antica appartenenti alle Università di Bologna, di Milano (Università Cattolica del Sacro Cuore), di Pavia e di Firenze e cofinanziato dal MIUR. Il progetto prevede di completare il commento complessivo della Biblioteca, compresi i libri frammentari, nel corso di alcuni anni. Benché lo storico-epitomatore siciliano abbia raccolto nella critica moderna il peggio, dal sarcasmo all’insulto, che si possa dire di uno storico e benché sia certo che egli non ha fatto molto per evitarlo, i suoi libri meritano ancora largamente di essere letti e studiati: ciò vale per i periodi storici per i quali Diodoro è di fatto la nostra unica fonte, ma anche per quelli meglio conosciuti, a proposito dei quali ci ha conservato preziose informazioni sia integrative sia alternative. L’appoggio di un commento che finora – con qualche eccezione notevole – è mancato costituisce uno strumento imprescindibile. Il libro XVIII, che copre i 6 anni compresi tra il 323 e il 318 a.C., è interamente dedicato ai primi tentativi di sistemazione dell’impero di Alessandro Magno, dopo la subitanea scomparsa del giovane sovrano macedone, nel giugno del 323, con la totale esclusione delle contemporanee vicende del Mediterraneo occidentale. Il libro XVIII è, dunque, il primo libro ‘ellenistico’ della Biblioteca e, insieme ai libri XIX e XX, rappresenta oggi il continuum storico più antico e più ampio sugli anni compresi tra il 323 e il 302, vista la perdita di tutta la precedente storiografia ellenistica, della quale sopravvivono pochi e sparsi frammenti.
30,00

Diodoro Siculo

Biblioteca Storica. Libro XIII. Commento storico

di Dino Ambaglio

editore: Vita e pensiero

pagine: 256

Diodoro Siculo stesso ci informa di aver dedicato trent'anni della propria vita (dal 60 a poco prima del 30 a
20,00

1550-1650 L'astrologia in Italia all'epoca di Galileo Galilei

Rassegna storico-critica dei documenti librari custoditi nella Biblioteca "Carlo Viganò"

di Pierluigi Pizzamiglio

editore: Vita e pensiero

pagine: 310

Tra Cinquecento e Seicento, nel secolo in cui si è svolta l'esistenza di Galileo Galilei, la scienza moderna è venuta assumend
25,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.