Il tuo browser non supporta JavaScript!

Emi

Barbiana o dell'inclusione. Un allievo racconta

di Aldo Bozzolini

editore: Emi

pagine: 128

Barbiana, nel Mugello, non è mai arrivata ad essere neppure un borgo, o una frazione. Ma la presenza di don Lorenzo Milani, dal 1954 fino alla sua morte nel 1967, ne ha fatto un simbolo universale di educazione alla vita e nella vita, e di eguaglianza sociale. Barbiana è un modello esportabile? Certamente, sostiene l'autore, anzi chissà quante altre Barbiana già sono esistite o esistono nel mondo, che soltanto non hanno avuto l'occasione di farsi conoscere a largo raggio. Perché il miracolo di inclusione avvenuto a Barbiana è stato possibile non solo grazie al carisma del Priore ma anche per la volontà di un gruppo di genitori, che "si allearono costruendo intorno ad una persona un muro di 'calore umano' e ricevettero in cambio un futuro migliore".
10,00

Il Cristo di Romero. La teologia che ha nutrito il Martire d'America

di Antonio Agnelli

editore: Emi

pagine: 128

Il 24 marzo ricorre il trentesimo anniversario dall'uccisione di Óscar Arnulfo Romero y Galdámez. Arcivescovo di San Salvador dal 1977 al 1980, è divenuto l'emblema della chiesa profetica che si sacrifica per annunciare il vangelo di Gesù, nella sua integralità, ai poveri, ai sofferenti, agli oppressi. Questo libro ricorda Romero attraverso i suoi scritti, in modo particolare le ricchissime omelie, dove troveremo anticipati e accennati temi, che solo in seguito la cristologia contemporanea ha sviluppato, riguardanti il valore del Gesù storico, mai staccato da quello della fede. Romero non è mai stato un teologo, era un vescovo pastore ma la sua riflessione sulla parola di Dio, e quindi la cristologia sottesa ai suoi scritti può essere preziosa per un annuncio ancora attuale del mistero di Cristo nel nostro tempo.
9,00

Per un'Africa riconciliata. Memoria del II Sinodo Africano

editore: Emi

pagine: 208

Abbondano segnali di molte iniziative che cercano di dare un'effettiva soluzione ai nostri problemi. Questo Sinodo, proprio per la scelta del suo tema, spera di essere una di queste iniziative positive. Invitiamo tutti indistintamente a collaborare per raccogliere le sfide della riconciliazione, della giustizia e della pace in Africa. Molti stanno soffrendo e morendo: non c'è tempo da perdere. Questo passo del messaggio conclusivo del secondo Sinodo africano esprime lo spirito con cui l'Assemblea dell'ottobre 2009 ha affrontato le sfide più drammatiche del continente: con uno sguardo realista, anche autocritico, e con slancio. Affinché la chiesa sappia offrire da subito - in collaborazione con le forze vive di tutti i 53 paesi africani - il proprio originale contributo a un domani di pacifica convivenza, di democrazia, di rispetto dei diritti umani."Africa, alzati!... e cammina".Questo libro è diviso in due parti: la raccolta dei documenti conclusivi della Seconda Assemblea speciale per l'Africa del Sinodo dei vescovi (Messaggio e Proposizioni) è preceduta da riflessioni e analisi di protagonisti dell'Assemblea e di osservatori.Con interventi di:Peter Kodwo Appiah Turkson Edmond Djitangar - Laurent Monsengwo Pasinya - Franco Ferrari - Giampiero Forcesi - Maria Elisabetta Gandolfi - Elisa Kidané - Guillaume Kipoy Pombo Eloi Messi Metogo - Franco Moretti - Gian paolo Petrucci - Alex Zanotelli
12,00

Giù le mani dall'acqua. Diario e ragioni di un impegno. Appelli 2006-2010

di Alex Zanotelli

editore: Emi

Sono impegnato sull'acqua come prete, come missionario, come cittadino. Non c'è vita senza acqua. È l'elemento primordiale per eccellenza. È uno dei simboli religiosi più usati da tutte le religioni mondiali. È uno dei beni fondamentali per l'umanità. Eppure la pressione a livello nazionale e internazionale per privatizzarla è enorme. L'impegno per l'acqua è un impegno per la democrazia, per la civiltà. La lotta per l'acqua deve essere una lotta di tutti. Per tutti. Contiene il testo della proposta di "Legge d'iniziativa popolare sull'acqua".
4,50

Cristiani a Gerusalemme. Duemila anni di coraggio

di Lawrence M. Sudbury

editore: Emi

pagine: 304

Gerusalemme, la città santa delle tre grandi religioni abramitiche. I media ne parlano quasi esclusivamente a proposito del conflitto israelo-palestinese. E la minoranza cristiana, che cosa fa? Qual è il suo ruolo? Che cosa significa, per i cristiani di varie denominazioni, vivere a Gerusalemme? Questo libro ce lo racconta, soprattutto attraverso interviste a sedici capi delle chiese, o esponenti che vi rivestono funzioni importanti. Le loro esperienze, i loro punti di vista sono così presentati direttamente. Ne risulta un ampio e vivace quadro della situazione. I problemi - anche di natura ecumenica - sono tanti e diversi, ma si è anche rafforzata la consapevolezza di dover dare una testimonianza comune. I cristiani di Gerusalemme si sentono particolarmente vicini al "mistero nascosto", il mistero della Pasqua di Gesù Cristo che ha avuto luogo proprio in quella città, ed esprimono la speranza che essa sarà un giorno città di fraternità e pace per tutta l'umanità.
14,00

Missione Bengala. I 155 anni del Pime in India e Bangladesh

di Piero Gheddo

editore: Emi

pagine: 512

Nel 1854 "Propaganda Fide" manda l'Istituto milanese ad annunziare il Vangelo in Bengala, che gli inglesi definivano "la tomba dell'uomo bianco". I primi quattro missionari scrivono: "Noi siamo come pigmei che debbono portare delle montagne". Indù e musulmani erano insensibili all'annuncio del Vangelo, la missione va agli aborigeni, i primitivi delle foreste, portandovi la scuola, l'assistenza sanitaria, l'agricoltura moderna e soprattutto la pace fra le varie etnie e tribù. Fra questi popoli disprezzati e considerati "selvaggi" nasce la Chiesa. Nel 1947 l'India diventa indipendente e nascono due stati, uno indù (India) e uno musulmano (Pakistan). Si sviluppa la seconda fase della missione: dare alla Chiesa locale solide strutture e propri vescovi, sacerdoti, suore, catechisti e laici inseriti come cristiani nella società moderna. L'ultima fase storica è quella che inizia nel 1980. La capitale Dhaka passa da un milione a 12 milioni di abitanti. Qui nasce il nuovo Bengala. Il Pime vi fonda quattro parrocchie, inizia a formare missionari bengalesi da mandare presso altri popoli e promuove il dialogo con l'islam moderato bengalese. In 155 anni (1855-2010) il Pime ha mandato in Bengala poco meno di 300 missionari ed ha fondato sei diocesi in India (Krishnagar, Jalpaiguri e Dumka-Malda) e in Bangladesh (Dinajpur, Khulna e Rajshahi).
20,00

Pace

di Tonio Dell'Olio

editore: Emi

pagine: 64

Nella riflessione teologica, nella tradizione e nell'insegnamento, nelle ispirazioni e nelle scritture sacre la pace non è mai questione di poco conto. Essa non viene mai relegata a questione morale che riguardi esclusivamente la sfera dei comportamenti, un comando cui obbedire o una norma da osservare. Molto spesso, il valore della pace fa riferimento diretto a Dio, con la sua presenza e con la sua azione. Altre volte è il nome privilegiato di Dio al punto da identificarsi con Dio stesso. La pace, pur variamente intesa, sta al cuore delle fedi e, in alcuni casi, ne costituisce il sapore, il senso, il fine e la profondità. Questo libretto non riuscirebbe a raccogliere le intuizioni, le ispirazioni, le riflessioni e le proposte che le nobili tradizioni delle fedi sparse sulla terra custodiscono nello scrigno della propria sapienza. Pertanto saranno proposti essenzialmente alcuni spunti relativi al tema della pace nelle fedi abramitiche o del Libro o del Mediterraneo.
4,50

Rilanciamo la speranza. Esperienze di incontro tra cristiani e musulmani

di Giuseppe Morotti

editore: Emi

pagine: 160

In tempo di crisi è molto difficile sostenere la speranza; il mondo appare addirittura più grigio e problematico di quello che è. Questo è un libro positivo che tratta un tema difficile, quello del rapporto tra cristiani e musulmani, oggi più che mai deteriorato da pregiudizi e incomprensioni reciproche. L'autore non espone una teoria sul tema, ma racconta, in maniera semplice e diretta, esperienze di vita di quando era un piccolo fratello di Charles de Foucauld e per dieci anni condivise le sue giornate con la gente semplice di un territorio di confine tra Iran e Iraq. Racconta quello che faceva, come reagiva alla guerra e alla paura, come riuscì a vivere l'amicizia e l'ospitalità, che tipo di rapporti instaurò con persone e famiglie. Assicura che quando si lasciano da parte i principi astratti e si vive in profondità ciò che la vita presenta, l'incontro avviene spontaneamente e fa crescere non solo il rispetto ma anche la stima e la collaborazione reciproca; perché la religione non è un ostacolo all'incontro ma uno stimolo ad alimentare i grandi valori del rispetto e della convivenza che sono nel cuore di tutti. Per approfondire questo aspetto, l'autore si sofferma sulle più significative esperienze mistiche del mondo cristiano e musulmano per dire che è là dove avviene l'incontro vero e personale con Dio, che si eliminano le differenze e si impara a fare autentica comunione.
12,00

Armi: un'occasione da perdere. Le armi leggere e il mercato italiano

editore: Emi

pagine: 148

In media, sul prelievo fiscale di una famiglia italiana di 4 persone, circa 1.300 euro l'anno sono destinati a spese militari e quindi ad alimentare il grande e complesso mercato delle armi nel quale il nostro Paese è tra i primi dieci al mondo. Nel 2007 ha esportato ufficialmente in 71 paesi, ma naturalmente questi dati non tengono conto di tutto il volume di merci e affari, spesso legati al contrabbando, che rende i numeri ancora più grandi ed espressivi. Quello che si sa è che le armi leggere sono diventate il grande combustibile che alimenta genocidi e crimini contro l'umanità e che ogni giorno fa più di mille morti nelle principali metropoli del pianeta. Questo annuario dell'OPAL, oltre a riportare dati aggiornati su tale mercato e a fissare le responsabilità italiane in questo settore specifico del commercio internazionale, apre un dibattito che sempre più deve uscire dalla clandestinità e diventare pubblico: non solo per il volume di affari che muove e per i rapporti che crea, ma anche e soprattutto perché si riferisce al tipo di società e di mondo che si vuole o si cerca di costruire. Molto più che in altri settori dell'economia, è importante che su questo argomento ognuno esprima il suo parere e, con conoscenza di causa, possa dire quanto e come le armi devono trovare spazio nel mondo di oggi.
12,00

Il Dio dell'Europa. Il cristianesimo e l'Islam in un continente che cambia

di Philip Jenkins

editore: Emi

pagine: 448

Il panorama religioso europeo è cambiato. Chi avrebbe mai previsto negli anni Sessanta il declino della pratica cristiana? Chi avrebbe mai immaginato una presenza islamica così forte a Roma, Madrid, Parigi o Londra? Chi nel '68 avrebbe mai scommesso su leggi progressiste in materia di aborto e omosessualità? Siamo di fronte a un'Europa diversa, il cristianesimo sta cambiando ma ciò non significa che stia morendo. L'autore analizza la nuova immagine dell'Europa, permeata dalle radici cristiane ma contaminata dalle nuove comunità religiose. In modo particolare offre uno studio accurato sulla comunità musulmana di oggi e si apprende che, nell'epoca del cambiamento, l'islam delle nuove generazioni vive le stesse crisi e incertezze del cristianesimo e che l'influenza delle tradizioni occidentali nelle comunità islamiche è tanto varia quanti sono i paesi nel quali l'islam si è insediato.
25,00

Preti per domani. Nuovi modelli per nuovi tempi

di Fritz Lobinger

editore: Emi

pagine: 112

Scarsità di preti: un problema cronico in molte parti del mondo e che comincia a farsi sentire anche in Italia. Alcune diocesi non sanno come risolverlo; altre optano per cambiamenti organizzativi delle strutture; altre ancora ricorrono a preti stranieri, soprattutto africani e latinoamericani. C'è chi crede che sia giunta l'ora di pensare a modelli diversi di Chiesa. L'autore di questo libro, attento a esperienze già collaudate in altre parti del mondo, propone di reintrodurre, a fianco del presbitero diocesano tradizionale, un secondo tipo di prete che esisteva nei primi secoli della Chiesa: uomo di fede provata, che, avendo famiglia e lavoro, si dedichi part-time ai servizi religiosi della parrocchia. Le parrocchie avrebbero così sempre disponibili dei gruppi di preti a presiedere le funzioni religiose; al sacerdote diocesano, full-time e dedito esclusivamente al ministero, potrebbero essere attribuiti altri ruoli: guida spirituale, formatore e animatore delle comunità, supervisore della comunione ecclesiale. L'autore presenta la sua proposta in modo circostanziato e prudente, valutando quali tipi di parrocchie possano essere i più adatti all'introduzione dei "preti di comunità", ma anche impegnandosi a salvaguardare la figura del presbitero interamente dedito al servizio della Chiesa, attribuendo però a quest'ultimo i ruoli che i nostri tempi di cambiamento sembrano non solo suggerire, ma imporre.
10,00

San Daniele Comboni. Biografia a partire dagli scritti

di Domenico Zugliani

editore: Emi

pagine: 144

La storia di Comboni stupisce sempre. È stato chiamato con tanta forza, che leggendo la sua vita si sente ancora la voce di Dio. Durante gli anni scrisse centinaia di lettere a familiari, amici, autorità civili ed ecclesiastiche, collaboratori. La grande raccolta dei suoi Scritti è come un affresco della sua epoca, stranamente bello perché il punto di vista è insolito: tutto in fondo è guardato dall'Africa, e l'Africa è guardata con un amore puro, che non conosce interessi o secondi fini. Basandosi solo sugli Scritti di Daniele Comboni, p. Zugliani ha elaborato questa particolare biografia. Chi legge entra in contatto diretto e quasi in ascolto del grande santo, lo accompagna passo passo nelle principali tappe del suo cammino, soprattutto ne condivide le preoccupazioni, gli stati d'animo, gli slanci interiori, i battiti del cuore. I riferimenti costanti agli Scritti permettono a chi legge di utilizzare questa biografia anche come una guida per orientarsi tra le migliaia di pagine in cui san Daniele racconta la sua missione, la sua sovrumana passione per la "Nigrizia".
11,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.