Il tuo browser non supporta JavaScript!

Lettere e Filosofia

Che cos'è la religione

Temi metodi problemi

di Filoramo Giovanni

editore: Einaudi

Uno studio che ricostruisce la dimensione storico-culturale dei fatti religiosi alla luce dei profondi mutamenti che questa in
23,00

Futuro del «classico»

di Salvatore Settis

editore: Einaudi

pagine: 127

Un percorso attraverso i sentieri della storia dell'arte che, dai grattacieli postmoderni americani corrono fino ai tempi dei Greci e dei Romani, per scoprire come è mutata nei secoli l'idea di "classico". L'autore scava, dall'oggi in direzione dell'antichità, l'archeologia di un termine che è sempre stato carico di senso, ma di un senso sempre mutevole a seconda degli orizzonti del gusto, della cultura e della società del tempo. Dall'Ottocento, in cui Greci e Romani da "Antichi" contrapposti ai "Moderni" si cristallizzano in classici, si passa alla considerazione di Winckelmann, dell'idealizzazione della grecità e dell'uso del "classico" come repertorio del Rinascimento, fino all'indagine sul significato del "classico" per gli stessi Greci e Romani.
12,00

Introduzione al Nuovo Testamento

editore: Claudiana

pagine: 592

42,00

Passato digitale. Le fonti dello storico nell'era del computer

di Stefano Vitali

editore: Mondadori bruno

pagine: 228

Una parte sempre più consistente della memoria documentaria del presente si sta sedimentando in formato digitale nei sistemi informatici delle imprese private e delle istituzioni pubbliche, nei server connessi alla Rete globale, nei nostri computer. Contemporaneamente, archivi e biblioteche ereditati dal passato vengono sottoposti a processi di riconversione digitale e in misura crescente diventano accessibili attraverso Internet. Questo libro si propone di tracciare alcune linee di una possibile critica delle fonti digitali, capace di fornire allo storico strumenti di analisi e d'interpretazione che siano in grado di confrontarsi con le complesse stratificazioni tecnologiche, culturali sociali di cui tali fonti sono intessute.
21,00

L'attribuzione dell'opera d'arte. Itinerari di ricerca fra dubbi e certezze

di Gigetta Dalli Regoli

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 144

L'attribuzione è una componente determinante nell'ambito degli studi storico-artistici, ed è anche un nodo della ricerca attorno al quale si sono svolte in passato, e sorgono ancora oggi, discussioni prolungate nel tempo. L'autrice si è proposta di richiamare l'attenzione sul mondo delle immagini e del rapporto fra arte e storia, sui rischi di una considerazione prioritaria del problema attributivo: quando ci si propone come obiettivo preminente ed esclusivo il riconoscimento dell'autore, può succedere che qualche tratto essenziale del problema non venga adeguatamente considerato, e che si sopravvaluti tutto ciò che può condurre alla identificazione di un "nome".
20,00

L'eco dei marmi. Il Partenone a Londra: un nuovo canone della classicità

editore: Donzelli

Da Atene a Londra: l'Ottocento è ai suoi inizi, quando l'ambasciatore inglese a Costantinopoli, Lord Elgin, decide di patrocin
23,00
25,00

Filottete

Testo greco a fronte

di Sofocle

editore: Mondadori

pagine: 358

Con il Filottete, da molti considerata l'opera più significativa di Sofocle, ha inizio un progetto editoriale: la Fondazione V
30,00
22,00

Guida alla storia del cinema italiano (1905-2003)

di Brunetta G. Piero

editore: Einaudi

La storia del cinema italiano è una storia di storie che, in più momenti, ha orientato e modificato il corso del cinema mondia
26,00

Ingresso a teatro

Guida all'analisi della drammaturgia

editore: Le Lettere

pagine: 472

29,00

In cammino tra due mondi

Strutture del cristianesimo antico

di Cristoph Markschies

editore: Vita e pensiero

pagine: 232

Dai modesti esordi nei villaggi della Galilea all’inarrestabile espansione in tutto l’Impero romano, la storia del cristianesimo è attraversata da un sottile, ma resistente filo conduttore: i cristiani vissero come cittadini di due mondi, immersi nelle realtà caduche dell’esistenza e al contempo rivolti con lo sguardo all’eterno. Se, infatti, da un lato, si radicò molto presto la convinzione che la loro vera patria non era di questo mondo, dall’altro essi professarono un credo unitario capace di influenzare fortemente la società e di regolare l’esistenza del singolo. Fissate le coordinate spazio-temporali entro le quali si sviluppò e si diffuse il cristianesimo, Markschies delinea i tratti salienti della religiosità individuale, nei momenti cruciali dell’esistenza come nella normalità della vita quotidiana, e di quella comunitaria, scandita dalla celebrazione eucaristica e dall’esercizio della carità. Ne emergono le ragioni per cui la nuova religione seppe conquistarsi un numero rilevante di seguaci: la semplicità della sua dogmatica, il coerente monoteismo, la certezza del legame con Dio assicurata dai sacramenti. L’annuncio di Gesù riduceva e spiegava così la complessità della vita e schiudeva all’uomo un orizzonte ultraterreno, un ‘di più’ che non si esaurisce nelle alterne vicende della storia.
20,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.