Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Mangio, quindi sono? Cibo, potere, interculturalità

Mangio, quindi sono? Cibo, potere, interculturalità
titolo Mangio, quindi sono? Cibo, potere, interculturalità
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Philosophica, 251
Editore Ets
Formato
libro Libro
Pagine 144
Pubblicazione 2021
ISBN 9788846759887
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
13,00
Questo libro parte dall'affermazione che il cibo è un'istituzione sociale, costruita in maniera differente da tutti i gruppi umani per sottoporre a regole condivise le attività connesse al mangiare e al bere, evitando i conflitti fra gli individui. Ma stabilire che cosa e come si può e non si può mangiare, implica la necessità che qualcuno ponga un certo numero di vincoli alla libera scelta di quegli stessi individui. In questo senso, il cibo ha immediatamente a che fare con il potere e con l'esercizio del potere. Questa sua dimensione intrinsecamente politica viene investigata a partire da una critica della nota affermazione di Ludwig Feuerbach secondo cui "l'uomo è ciò che mangia", connettendola a tematiche centrali come la globalizzazione e la localizzazione, il multiculturalismo e l'interculturalità. Lo scopo è recuperare la centralità dell'individuo, delle sue preferenze e delle sue scelte nell'attuale discorso sul cibo, "de-colonizzando" i presupposti della cosiddetta "modernità occidentale".
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.