Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Il ritorno di Ares. Una prospettiva etico-politica su guerra e pace in Ucraina

Il ritorno di Ares. Una prospettiva etico-politica su guerra e pace in Ucraina
titolo Il ritorno di Ares. Una prospettiva etico-politica su guerra e pace in Ucraina
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Ethos e logos, 1
Editore Inschibboleth
Formato
libro Libro
Pagine 162
Pubblicazione 2024
ISBN 9788855294812
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Dopo la fine della Guerra Fredda, non soltanto la Russia di Putin ma anche l'Occidente pacifista e democratico non ha mai smesso di ricorrere alle armi ogni qualvolta lo ha ritenuto necessario. Per capire la crisi ucraina non ci si può dunque limitare all'accertamento delle responsabilità di chi l'avrebbe provocata (Putin, la Nato o le politiche di Kiev verso le minoranze russofone), ma occorre spingersi oltre, rimettendo in discussione l'idea che gli attuali belligeranti invocano a comune sostegno delle loro opposte ragioni, ossia la tradizionale dottrina dello ius ad bellum. È alla luce di questa dottrina, infatti, che è possibile giustificare il ricorso alla violenza militare: o per sanare una situazione che si ritiene iniqua (così Mosca) o come legittima difesa nei confronti di un ingiusto aggressore (così l'Occidente). Dopo aver offerto una breve ricostruzione geo-politica del conflitto in corso e attingendo al dibattito filosofico-morale sui conflitti armati, l'autore propone una prospettiva di disarmo ideologico, in cui l'idea di "guerra giusta" venga sottoposta a una radicale decostruzione, nell'auspicio che sulle ragioni delle armi prevalgano, infine, le armi della ragione.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.