Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

La lingua della poesia in Italia 1815-1918

La lingua della poesia in Italia 1815-1918
Titolo La lingua della poesia in Italia 1815-1918
Autore
Argomento Letteratura e Arte Letteratura e Linguistica
Collana Saggi
Editore Marsilio
Formato
libro Libro
Pagine 169
Pubblicazione 2015
ISBN 9788831722698
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Con le ragguardevoli eccezioni di Giovanni Pascoli e Gabriele D'Annunzio, qui si rivisita un lungo Ottocento tanto screziato quanto malnoto, almeno di questi tempi: da Giovanni Berchet, padre fondatore del particolare Romanticismo italiano, alle sconvolte "poesie-prosa" che Clemente Rebora spediva dalle trincee della Grande Guerra. In mezzo, tanta poesia in vario modo popolare del Risorgimento - da Carrer a Fusinato, Mameli, Mercantini, Dall'Ongaro - e poi quella sperimentale dell'Italia unita, dove spiccano gli scapigliati e isolati di forte estro come Riccardi di Lantosca e Vittorio Berteloni. Questo, in buona parte, è anche il terreno in cui nasce la decisiva rivoluzione linguistica pascoliana. E sempre qui ci si può imbattere, di tanto in tanto, in qualche piccolo fiore inaspettato o dimenticato.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.