Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

L'Olimpo abbandonato. Leopardi tra «favole antiche» e «disperati affetti»

L'Olimpo abbandonato. Leopardi tra «favole antiche» e «disperati affetti»
titolo L'Olimpo abbandonato. Leopardi tra «favole antiche» e «disperati affetti»
Autore
Argomento Letteratura e Arte Letteratura e Linguistica
Collana Testi e studi leopardiani
Editore Marsilio
Formato
libro Libro
Pagine 231
Pubblicazione 2006
ISBN 9788831788830
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
Perché l'essere? Perché il male? Perché il nulla? E ancora: di fronte all'irrompere dilagante dell'ottimismo razionalista, che ne è della poesia? Quali le sue possibilità in un mondo, come quello moderno, incapace di narrare ancora "favole", ma che, nella "disperazione" dell'affetto, non può tuttavia rinunciare alla memoria? Distante sia dai classicisti sia dai romantici, Leopardi reinterpreta i miti in termini antropologici e ontologici, chiamandoli con pregnanza vichiana "favole antiche" e inserendosi nel grande dibattito europeo sulla morte o resurrezione degli dèi. Nella sua visione, il tramonto dei miti coincide con la perdita della fantasia creatrice, la quale si alimentava della facoltà di ascoltare la natura e di parlare con essa.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.